Vincere sulla solitudine: ecco la guida

RIETI ore 22:39:00 del 07/01/2015 - Categoria: Guide, Internet, Sociale

Vincere sulla solitudine: ecco la guida
Vincere sulla solitudine: ecco la guida | L’analisi di Italiano Sveglia

Il carattere dell'individuo che nasce con esso e si plasma a seconda delle circostanze e dell'ambiente, porta ad essere come siamo, non in base all'età ma alle esperienze. Per esempio noi tutti conosciamo delle persone che amano la solitudine, altre che la soffrono, e tutto riteniamo dipenda dalle esperienze che hanno passato in precedenza. Quelle che amano la solitudine sono quelle diffidenti, che già in precedenza hanno vissuto all'estero da sole, mentre le altre sono quelle che danno tutto ciò che possiedono col cuore, ed in precedenza hanno svolto lavori a contatto con la gente come infermiere o commessa.

Quello che ci sentiamo di affermare è che la persona che soffre di solitudine, non è una che ha poca sicurezza, ma una che ha necessità si essere amata e considerata, sia pure dagli amici o nell'ambiente del lavoro. Il classico incompreso avrà sempre necessità di conferme, e quindi di stare a contatto con amici o amori.

La solitudine è uno stato interiore che ti porta ad escludere tutti gli altri...a volte sei tu a sentirti escluso, ma l'artefice di tutto sei sempre tu! Però anche la solitudine ha svariate sfaccettature.. a volte trovarsi solo al cospetto di se stessi può essere non solo gratificante, ma anche stimolante...si ha la capacità di conoscersi meglio...potresti sfruttare questo momento di profonda solitudine interiore per capire cosa ti costringe a tacere con i tuoi amici...mancanza di fiducia o incapacità di comunicare ciò che sei poiché hai timore di non essere valutato pienamente per ciò che sei?

Ci sarebbero infinite possibilità. Non buttatevi nelle chat per superare la solitudine. Sono piene di ragazzi fidanzati che cercano svago in quel modo. E' rapido, semplice e gratis. E' pieno di persone sole che pensano che le chat siano il mezzo più facile per farsi degli amici, peccato che la vita sia quella reale fuori da internet e dal pc. Bisogna abolire questi strumenti e ritornare al contatto visivo, umano. Le chat creano soltanto isolamento, solitudine e ansia.

"Abbiamo i mezzi per spaziare ma ci siamo rinchiusi in noi stessi" questa battuta di Charlie Chaplin ci fa sempre riflettere per quanto le chat e altri mezzi di comunicazione ci hanno dato la possibilità di spaziare, conoscere nuova gente e stare sempre in contatto con chi vogliamo ma alla fine non fanno che rinchiuderci in noi stessi. L' essere umano è fatto per avere interiezioni fisiche e non tramite internet.

Scritto da Gerardo

NEWS CATEGORIA
Giovani inchiodati davanti alla tv per ore: UBRIACHI DI SERIE
Giovani inchiodati davanti alla tv per ore: UBRIACHI DI SERIE

-

Le serie televisive, nelle loro varie tipologie, serial, miniserie, sit-com ecc., sono il tipo di narrazione oggi più seguito, più dei lungometraggi cinematografici e più del romanzo o del fumetto.
Le serie televisive, nelle loro varie tipologie, serial, miniserie, sit-com...

Come risparmiare con lo Scaldabagno Elettrico
Come risparmiare con lo Scaldabagno Elettrico

-

Ecco tutti i consigli di cui puoi aver bisogno per risparmiare in bolletta e ottimizzare al meglio gli usi dello scaldabagno elettrico (boiler).
Usare l’elettricità per riscaldare l’acqua da usare in bagno o in cucina è un...

Italia: rischio ONDATA MIGRATORIA SENZA PRECEDENTI
Italia: rischio ONDATA MIGRATORIA SENZA PRECEDENTI

-

Il Pentagono ha fatto sapere che i bombardamenti mirati hanno colpito un centro di ricerca di Damasco e un impianto di stoccaggio di armi chimiche a Homs
Il Pentagono ha fatto sapere che i bombardamenti mirati hanno colpito un centro...

Un bimbo al Papa: 'mio papa' era Ateo, e' in cielo ora?' VIDEO
Un bimbo al Papa: 'mio papa' era Ateo, e' in cielo ora?' VIDEO

-

Papa Francesco è andato a visitare la parrocchia di Corviale, un quartiere della periferia di Roma. Alcuni bambini dovevano fare delle domande al papa, che era seduto davanti a loro.
Un bimbo si alza, si avvicina al microfono ma non riesce a parlare. Sospira un...

Siamo in una DITTATURA DOLCE: una manipolazione invisibile e capillare
Siamo in una DITTATURA DOLCE: una manipolazione invisibile e capillare

-

In una lettera del 21 ottobre 1949, lo scrittore Aldous Huxley ringraziava l’ex allievo dell’Eton College, George Orwell, per avergli spedito una copia del suo nuovo romanzo, 1984
In una lettera del 21 ottobre 1949, lo scrittore Aldous Huxley ringraziava l’ex...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati