URUPIA: il comune dove NON esiste la PROPRIETA' PRIVATA

(Brindisi)ore 07:26:00 del 14/11/2017 - Categoria: , Curiosità, Economia, Lavoro

URUPIA: il comune dove NON esiste la PROPRIETA' PRIVATA
Alla base dei principi fondamentali  della comune troviamo la convinzione  che l’uguaglianza politica è raggiungibile solamente attraverso l’uguaglianza economica.

Nel 1995 la Comune Libertaria di Urupia, dopo esser nata come progetto utopicoagli inizi degli anni ’90 nei pensieri di un gruppo di libertari salentini e di altri compagni di origine tedesca, divenne finalmente realtà concreta grazie all’acquisto di alcuni fabbricati abbandonati e di 24 ettari di terreno nella zona rurale e di campagna di Francavilla Fontana, in Salento.
Il progetto della comune iniziò come un esperimento quotidiano di autonomia eautogestione, volto a rappresentare la concretizzazione di una vera e propriautopia libertaria che tendeva al raggiungimento di libertà politica, solidarietà sociale e comunitaria e autosufficienza economica. 

I principi dominanti alla base dellaComune di Urupia sono prima di tutto l’assenza di proprietà privata con la conseguente proprietà collettiva di mezzi e dei beni e il raggiungimento dell’unanimità e del consenso come unico metodo legittimo usato nel processo decisionale. 
Alla base dei principi fondamentali 

della comune troviamo la convinzione 

che l’uguaglianza politica è raggiungibile solamente attraverso l’uguaglianza economica.


All’interno della Comune di Urupia l’individuo è dotato di piena libertà e di assoluta autonomia e perciò può liberamente autodeterminarsi in un contesto di diffusa autogestione di sè stessi e della comunità. 
Inoltre ad Urupia non esistono classi sociali nè tanto meno gerarchie, perciò notiamo l’assenza totale di un singolo individuo che accentra il potere nelle sue mani fungendo da autorità; piuttosto la Comune nel corso degli anni si è impegnata nell’adozione di unastruttura sociale completamente egualitaria e orizzontale, all’interno della quale ogni individuo si ritiene e viene ritenuto libero ed uguale e coopera con gli altri sulla base delle proprie disponibilità e possibilità.

Ad evidenziare in maniera ancor più marcata il rifiuto di qualsiasi forma di gerarchia (anche quella basata sul genere sessuale) gli abitanti della comune hanno deciso di chiamarsi con il termine femminile “Comunarde”. Questo termine sottolinea l’assoluta uguaglianza tra i sessi ed il rigetto nei confronti del patriarcato e del maschilismo imperanti all’interno della società dominante.


Come già detto, la Comune di Urupia è tutt’ora all’alba degli 11 anni di esistenza un laboratorio ed un esperimento ed infatti gli stessi abitanti scrivono: 
“viviamo invece quotidianamente la consapevolezza 

della difficoltà di un percorso di vera autogestione: 

i continui conflitti traprivato e collettivo, 

il costante riemergere di comodi meccanismi di delega 

e di ambigue gerarchie informali, 

la difficoltà del raggiungimento di una vera uguaglianza

 tra i sessi e di un rapporto di serena, 

efficace collaborazione tra uomini e donne, 

la risucchiante prepotenza delle peggiori leggi dell’economia, sono tutte contraddizioni che stanno 

lì ad indicarci quanta strada abbiamo ancora da fare, 

e quanto difficile sia questo percorso.

Contraddizioni alle quali, tuttavia, 

non abiamo alcuna intenzione di sottrarci…”
La Comune di Urupia, nonostante le molte difficoltà che si trova ad affrontare, incarna l’esempio perfetto che un modo diverso di organizzare la vita sociale, politica ed economica sulla base di una autogestione libertaria è, non solo possibile, ma percorribile se si ricerca una alternativa migliore alla realtà dominata, vessata e sottomessa alle logiche statali e all’economia capitalista. 
Perchè  le Comunarde di Urupia credono nella sperimentazione di un “mondo migliore, più libero e giusto, nel quale sarebbe anche ora che cominciassimo a vivere, noi che ci avveleniamo il sangue per questo schifo di mondo che invece dobbiamo sopportare.”

Da: QUI

Scritto da Samuele

NEWS CATEGORIA
Lavi tutti i giorni il viso con ACETO DI MELE? Ecco cosa succede!
Lavi tutti i giorni il viso con ACETO DI MELE? Ecco cosa succede!
(Brindisi)
-

Piuttosto che sborsare soldi in prodotti commerciali per ripulire la pelle da acne, macchie e punti neri, potremmo affidarci alla natura. Ad esempio all’ aceto di mele.
Potrebbe sembrare strano, eppure, utilizzare l’aceto di mele come ingrediente di...

BOLZANO NELLA STORIA: ABOLITE LE DOMENICHE LAVORATIVE!
BOLZANO NELLA STORIA: ABOLITE LE DOMENICHE LAVORATIVE!
(Brindisi)
-

A Bolzano il Consiglio provinciale, dopo le numerose proteste e manifestazioni cittadine, ha finalmente deciso di abolire le domeniche lavorative obbligatorie, divenendo così la prima città d'Italia a dare il buon esempio in termini di civiltà e di rispet
A Bolzano il Consiglio provinciale, dopo le numerose proteste e manifestazioni...

Base aliena sulla Luna: IMMAGINI E VIDEO SHOCK
Base aliena sulla Luna: IMMAGINI E VIDEO SHOCK
(Brindisi)
-

I teorici del complotto che hanno fatto la ‘scoperta’ affermano che si tratti di un qualcosa di simile ai serbatoi che comunemente si trovano nel nostro pianeta, affermando che si potrebbe trattare dei resti di una civiltà antic
Ufo: struttura artificiale sulla Luna? I teorici del complotto che hanno fatto...

NUOVA BEFFA Alternanza Scuola lavoro: giovani costretti a PAGARE per essere SFRUTTATI
NUOVA BEFFA Alternanza Scuola lavoro: giovani costretti a PAGARE per essere SFRUTTATI
(Brindisi)
-

Non bastavano i casi di sfruttamento: ora c'è anche chi fa business. E per chi non può permetterselo spuntano altri casi vergogna: spalare letame, raccogliere mozziconi dalla spiaggia, gestire bambini senza averne le competenze
Basta digitare il numero dell'azienda, dall'altro capo del telefono arrivano...

Rubinetti alle fontane: vuoi l'acqua? PAGA!
Rubinetti alle fontane: vuoi l'acqua? PAGA!
(Brindisi)
-

Bere l’acqua della fontana? Bei tempi, quando l’acqua corrente era libera e gratuita. Ora siamo in regime di arrembante privatizzazione: se vuoi un sorso d’acqua potabile, anche in aperta campagna, la devi pagare
Bere l’acqua della fontana? Bei tempi, quando l’acqua corrente era libera e...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati