Toki: cosa conoscere

(Cagliari)ore 23:19:00 del 08/01/2019 - Categoria: , Videogames

Toki: cosa conoscere
Vien da sé che, trattandosi di un gioco del secolo scorso, in pochi ricorderanno a memoria i passaggi originali, nonostante la formula ibrida tra platform e shooter 2D (Toki è infatti in grado di sparare sfere di energia dalla sua bocca) sia rimasta press

 

1989. L’epoca d’oro delle sale giochi, quei luoghi polverosi e decisamente bui in cui le uniche luci a farla da padrone erano quelle dei cabinati dell’epoca. Ve n’era uno in particolare, un platform/shooter vecchio stile con protagonista una stramba scimmietta: Toki. Sviluppato dall’ormai scomparsa software house TAD, il gioco fu poi convertito negli anni successivi per numerose piattaforme casalinghe e non, tra cui Atari Lynx, SEGA Megadrive e computer Amiga (con ottime conversioni, tra l’altro). Ora, a quasi 30 anni di distanza, la scimmia ha deciso di tornare per mano di Microids, la quale ha scelto Nintendo Switch come la piattaforma ideale per le sue avventure. Sarà andato tutto come previsto? O la nostalgia è stata canaglia ancora una volta?

Una scimmia d’altri tempi

Partiamo con il sottolineare una cosa: Toki è un gioco difficile. Dannatamente difficile. Se pensavate di mettere le mani su un blando remake all’acqua di rose, siete assolutamente fuori strada. Gli sviluppatori hanno infatti inquadrato alla grande lo spirito arcade (e un po’ bastardo) del gioco originale, adattando il tutto al sistema di controllo della console ibrida di Nintendo. Certo, la Modalità Facile riequilibra un po’ le sorti, ma giocare un titolo del genere e privarsi del tasso di sfida adeguato sarebbe come mettere mano a un soulslike senza possibilità di morire. Se già LizardCube con Wonder Boy III: The Dragon’s Trap aveva dimostrato che Switch è la console ideale per un certo tipo di platform vecchia scuola, Microids ha sicuramente rimarcato alla grande questo concetto. Innanzitutto è meglio specificare che il “nuovo” Toki è esattamente lo stesso gioco di allora: gli stage e i nemici sono nella medesima posizione del gioco dell’89, così come i boss di fine livello e i bonus sono esattamente quelli di un tempo. Vien da sé che, trattandosi di un gioco del secolo scorso, in pochi ricorderanno a memoria i passaggi originali, nonostante la formula ibrida tra platform e shooter 2D (Toki è infatti in grado di sparare sfere di energia dalla sua bocca) sia rimasta pressoché inalterata.

Pur avendo pattern di movimento e attacco abbastanza semplici, la loro notevole concentrazione rende difficile calcolare al meglio i movimenti. Con il tempo entreranno in gioco quei "trucchetti" che gli odierni quarantenni hanno imparato in decine di ore passate davanti al cabinato: l'attendere in un angolo il passaggio ciclico di un mostriciattolo volante per toglierlo di mezzo prima di procedere, l'attendere appesi ad una liana che il mini-boss di turno si sfoghi prima di piazzare una raffica... e via dicendo.

Il protagonista è fragilissimo, basta un singolo contatto con un nemico o con qualsiasi ostacolo ambientale per farlo morire.

Ai giocatori più giovani il design di Toki potrebbe far sorridere. I sei livelli da cui è composta l'avventura ripercorrono location che più tradizionali non si può, dalla giungla ai vulcani colmi di lava. Volete il livello ghiacciato e quello subacqueo? Ci sono anche quelli. Manca la verve di un Rayman Legends o la perfezione arcade di un qualsiasi New Super Mario X, ma tenete sempre presente che stiamo parlando di un titolo il cui gameplay ha sulle spalle la bellezza di quasi 30 anni.

L'estetica originale è stata invece completamente stravolta. Lasciati da parte i bitmap, personaggi e scenari sono stati ridisegnati da zero con uno stile "cartoon" che ricorda quello di un altro remake abbastanza recente: Wonder Boy the Dragon's Trap. Per l'occasione è stata ricomposta la coppia d'oro del gioco originale, formata dall'art director Philippe Dessoly, artista attivissimo anche sul fronte Goldrake, e dal programmatore capo Pierre Adane.

Un eccellente lavoro è stato svolto anche sulle animazioni e sulla colonna sonora, rielaborata ad arte. Migliorabile invece la risposta ai comandi, che in un gioco del genere deve essere praticamente istantanea. Di tanto in tanto invece abbiamo notato qualche fenomeno di input lag, che si è tradotto in morti non previste e francamente irritanti vista la già notevole difficoltà di base del gioco.

 

Scritto da Sasha

NEWS CATEGORIA
Judgment: la prova
Judgment: la prova
(Cagliari)
-

Insomma, il focus si sposta in maniera significativa sulla raccolta di indizi e su una sorta di simulazione di detective vera e propria, con fasi dialogiche in cui riassumere ed analizzare gli indizi fin lì raccolti, interrogatori di testimoni chiave e ri
  JUDGMENT RECENSIONE - Quando il team Ryu ga Gotoku Studio responsabile della...

Outer Wilds: cosa conoscere
Outer Wilds: cosa conoscere
(Cagliari)
-

OUTER WILDS - La costruzione artigianale di ogni pianeta ha permesso allo studio di creare tutto a misura di giocatore e i tanti anni passati in Alpha e Beta (stiamo parlando di un titolo il cui primo prototipo risale al 2013) hanno riempito di tracce di
  OUTER WILDS - Outer Wilds è un’esclusiva console Xbox One, di questi tempi...

Giochi per ragazze android migliori
Giochi per ragazze android migliori
(Cagliari)
-

GIOCHI PER RAGAZZE ANDROID - Decine di applicazioni nascono ogni giorno suoi dispositivi mobili e sempre più ci ritroviamo a non sapere qual è quella giusta e che possa fare al nostro caso.
GIOCHI PER RAGAZZE ANDROID - Decine di applicazioni nascono ogni giorno suoi...

Oculus Rift S: prezzo e data uscita
Oculus Rift S: prezzo e data uscita
(Cagliari)
-

Allo stesso modo, le dimensioni (275mm x 94mm x 133mm) non causano eccessivo impaccio durante le fasi di gioco: in sostanza, Rift S - sul versante della comodità - è promosso a pieni voti.
  RECENSIONE OCULUS RIFT S - Oculus Rift S, così come il suo fratellino minore...

The Elder Scrolls Online Elsweyr: provato
The Elder Scrolls Online Elsweyr: provato
(Cagliari)
-

La particolarità rispetto ad altre incarnazioni del necromante è che i non morti evocati sono più simili ad una magia piuttosto che a un pet: conta molto la posizione in cui vengono evocati, la vita media è molto bassa e non è richiesto di mantenerli in v
  THE ELDER SCROLLS ONLINE ELSWEYR RECENSIONE - Per chi no lo ricordasse, TES:...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati