Terremoto Centro Italia: MALEDETTA CASTA!

(Campobasso)ore 13:43:00 del 08/03/2017 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Sociale

Terremoto Centro Italia: MALEDETTA CASTA!
Siamo ancora in tempo, è possibile intervenire, ma è necessario cambiare immediatamente rotta, attivare progetti di comunità, garantire sostegno qualificato non solo ai singoli che non ce la fanno più, ma all’intero territorio, aprire spazi pubblici quest

LO STATO NON C’È PIÙ. EMERGENZA FINITA. In quello che fino a venti giorni fa sembrava l’ombelico operativo delle forze di protezione civile, l’orgoglio di una capacità di mobilitazione che non conosce costi o situazioni metereologiche, che parte per il soccorso e scava nella neve per giorni, la smobilitazione è terminata. O meglio, sono rimasti solo alcuni corpi di presidio tecnico, come i vigili del fuoco o l’esercito, ma per tutte le associazioni, i corpi, i gruppi, l’emergenza è terminata, tutti a casa.

Se ogni emergenza è differente, per come il disastro si manifesta, per le caratteristiche del territorio, per la cultura e le relazioni delle comunità colpite, la gestione di questa serie di terremoti è stata molto differente da quelle a cui siamo stati abituati negli ultimi trent’anni in Italia. Abbiamo visto un’emergenza quasi senza tende, escluse quelle per i volontari e qualche enorme pneumatica di comunità per alcune frazioni particolarmente colpite.

Abbiamo visto attivare forme di gestione dell’emergenza con strumenti innovativi, come il gemellaggio tra un’associazione nazionale di protezione civile e una frazione, invece della solita divisione di compiti tra associazioni con formazioni e specialità diverse. Abbiamo visto una mano della Protezione Civile leggera, capace di interrogare i Comuni e di coinvolgere la cittadinanza nelle prime decisioni, elemento molto positivo perché ha consegnato a chi ha subito il terremoto la possibilità di ripensarsi non come vittima ma come protagonista di un cambiamento. Abbiamo visto delle linee guida interessanti, con una decisione chiara: riaprire i posti di lavoro e le scuole prima possibile per permettere al numero maggiore possibile di cittadini di restare nel loro territorio. E poi non abbiamo visto più niente.

Siamo ancora in tempo, è possibile intervenire, ma è necessario cambiare immediatamente rotta, attivare progetti di comunità, garantire sostegno qualificato non solo ai singoli che non ce la fanno più, ma all’intero territorio, aprire spazi pubblici questi sì fisici, coinvolgere la popolazione delle frazioni nelle decisioni e nella lettura di quanto accaduto. Riconoscere che un terremoto è soprattutto un fatto sociale. Ma è necessario fare presto prima che questo silenzio assordante si trasformi nella più triste delle storie post-emergenziali del nostro Paese.

Scritto da Luca

NEWS CATEGORIA

(Campobasso)
-


Nel dibattito pubblico si possono constatare degli assunti da tutti asseriti...

Italia maglia nera d'Europa: 1 giovane su 4 TOTALEMENTE NULLAFACENTE
Italia maglia nera d'Europa: 1 giovane su 4 TOTALEMENTE NULLAFACENTE
(Campobasso)
-

L’Italia mantiene il suo primato negativo in Europa per la quota di “Neet”, i giovani tra 18 e 24 anni che non studiano non seguono un corso di formazione e non lavorano.
L’Italia mantiene il suo primato negativo in Europa per la quota di “Neet”, i...

La PERVERSIONE della Buona Scuola che tradisce i ragazzi e li abbandona nelle mani delle aziende
La PERVERSIONE della Buona Scuola che tradisce i ragazzi e li abbandona nelle mani delle aziende
(Campobasso)
-

Come trasformare un bambino in un “asset”: un individuo solo al mondo, in lotta contro tutti. E’ l’orrore del neoliberismo, sintetizzato da Margaret Thatcher nel 1980
Come trasformare un bambino in un “asset”: un individuo solo al mondo, in lotta...

E se gli incendi estivi fossero provocati per incentivare un giro di affari milionario?
E se gli incendi estivi fossero provocati per incentivare un giro di affari milionario?
(Campobasso)
-

Lo scrive sulla propria pagina facebook Gherardo Chirici, professore associato di Inventari forestali e telerilevamento presso Università degli Studi di Firenze
E se gli incendi estivi fossero provocati per incentivare un giro di affari...

La Tasse ci DIVORERANNO: ECCO 3 MOTIVI
La Tasse ci DIVORERANNO: ECCO 3 MOTIVI
(Campobasso)
-

Vi citiamo tre casi apparentemente diversi tra loro: l’accordo per gli esuberi Tim, l’impatto delle politiche Bce su debito pubblico italiano e infine le aliquote dell’Imu da pagare lunedì prossimo.
Vi citiamo tre casi apparentemente diversi tra loro: l’accordo per gli esuberi...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati