SENSAZIONE che la strada di ritorno E' SEMPRE PIU' BREVE? ECCO IL PERCHE'

(Palermo)ore 16:42:00 del 07/05/2017 - Categoria: , Curiosità, Editoria, Motori

SENSAZIONE che la strada di ritorno E' SEMPRE PIU' BREVE? ECCO IL PERCHE'
SPESSO QUANDO RIENTRIAMO DA UN VIAGGIO PROVIAMO LA SENSAZIONE CHE LA STRADA DI RITORNO SIA PIÙ BREVE.TALE SENSAZIONE SI CHIAMA “RETURN TRIP EFFECT”. ECCO PERCHÈ ACCADE.

SPESSO QUANDO RIENTRIAMO DA UN VIAGGIO PROVIAMO LA SENSAZIONE CHE LA STRADA DI RITORNO SIA PIÙ BREVE.TALE SENSAZIONE SI CHIAMA “RETURN TRIP EFFECT”. ECCO PERCHÈ ACCADE.

“All’ andata non si arrivava mai, al ritorno siamo arrivati subito“, è questa per grandi linee la frase che pronunciamo dopo il rientro da un viaggio, manifestando la sensazione che il tragitto di ritorno sia sembrato più breve di quello dell’ andata, pur avendo percorso la stessa strada e quindi gli stessi chilometri.

Molti credono che ciò accade perchè avendo già percorso lo stesso tragitto durante il viaggio di andata, esso è più familiare per il nostro cervello, e quindi al ritorno si ha la sensazione di arrivare prima, ma non è affatto così.

La sensazione di arrivare prima in un posto quando siamo sul tragitto di ritorno è, secondo gli studiosi, una sorta di illusione del nostro cervello, causata da un fenomeno chiamato “return trip effect”, ovvero “effetto da viaggio di ritorno“.

Il return trip effect non dipende dal tragitto stesso, ma dalle aspettative che offre tale tragitto, ed è un vero e proprio scherzo da parte della nostra mente.

Il motivo per cui esso si verifica dipende totalmente dalle nostre aspettative. Ad esempio  quando dobbiamo andare in un posto, sia quando proviamo euforia ed abbiamo talmente voglia di arrivarci, sia quando proviamo ansia e temiamo il momento dell’ arrivo, tendiamo a sottostimare la distanza e, per questo, la nostra percezione del tempo è dilatata, e si ha la sensazione di non arrivare mai.

Ciò dimostra come le nostre attese siano capaci di modificare la percezione del tempo che ogni persona potrebbe avere, come il potere della mente può arrivare a modificare e manipolare anche un lasso temporale che in realtà è immodificabile.

Durante il viaggio di ritorno invece, privi di alcuna aspettativa, il nostro cervello registra un lasso temporale di arrivo che rispecchia maggiormente la realtà del percorso.

Il return trip effect non si verifica invece per i pendolari, ossia coloro che percorrono abitualmente lo stesso tragitto ad esempio per motivi di lavoro. In questo caso, sia all’andata che al ritorno, il nostro cervello, grazie al fattore della ripetizione, ci fornisce una reale percezione del tempo stimato per raggiungere il luogo desiderato.

Da: Jeda

Scritto da Sasha

NEWS CATEGORIA
ZOE: l'elettrico che sta spopolando!
ZOE: l'elettrico che sta spopolando!
(Palermo)
-

C'è chi è diventato attore protagonista del cambiamento nel campo della mobilità raccogliendo risultati straordinari: è Renault, che ha ideato una delle auto elettriche più amate in Francia e in Europa: ZOE.
La dimensione green negli ultimi tempi sta raccogliendo sempre più consensi, sia...

La bevanda MIRACOLOSA che disinfetta, brucia i grassi e abbassa la pressione!
La bevanda MIRACOLOSA che disinfetta, brucia i grassi e abbassa la pressione!
(Palermo)
-

Succo di mirtilli, un toccasana dalle tante proprietà benefiche
Il succo di mirtilli è una bevanda molto semplice da realizzare, anche in casa,...

CHRISTIANIA: l'ultima citta' europea LIBERA e AUTOGESTITA
CHRISTIANIA: l'ultima citta' europea LIBERA e AUTOGESTITA
(Palermo)
-

La città se la città di Christiania ha spento oltre 40 candeline dalla sua fondazione, questo significa che quel tipo di modello sociale funziona, è applicabile e replicabile.
Un folto gruppo di anarchici, di artisti, squatters, hippie e libertari convinti...

Nessox, la batteria liquida del futuro
Nessox, la batteria liquida del futuro
(Palermo)
-

Un sogno che potrebbe diventare realtà grazie a una startup bolognese Bettery e a Nessox, la batteria liquida che si ricarica semplicemente rabboccando il liquido al suo interno.
Ricaricare un’auto elettrica come fosse una vettura con carburante?  Un sogno...

Come cambia il tuo organismo a seconda di quanto CAMMINI
Come cambia il tuo organismo a seconda di quanto CAMMINI
(Palermo)
-

Camminare quotidianamente non fa bene solo ai piedi, alle gambe, alla circolazione ma apporta grandi benefici per tutto il corpo e la mente.
Non c’è nessuna condizione fisica, estetica o di salute per cui si possano...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati