Sei troppo stanco? Non puoi lavorare! In arrivo l'Affaticometro

(Firenze)ore 16:40:00 del 27/06/2018 - Categoria: , Curiosità, Lavoro, Tecnologia

Sei troppo stanco? Non puoi lavorare! In arrivo l'Affaticometro
Un gruppo di giovani ricercatori italiani dell'Università della Terra di Torino, ha messo appunto uno strumento in grado di rilevare la stanchezza del lavoratore ed il suo attuale livello energetico.

Un gruppo di giovani ricercatori italiani dell'Università della Terra di Torino, ha messo appunto uno strumento in grado di rilevare la stanchezza del lavoratore ed il suo attuale livello energetico.
 
Questa invenzione innovativa permetterà al lavoratore in forte carenza di forze fisiche e mentali di "sospendere" le proprie mansioni e concedersi un riposino a "norma di legge".
 
Visti i recenti e drammatici incidenti sul lavoro spesso propri causati dai ritmi snervanti e massacranti, dalla scarsa sicurezza del luogo di lavoro o dalla condizioni generali poco idonee, alcuni studenti hanno dedicato mesi alla ricerca  di una soluzione efficace e ci sono riusciti con l'Affaticometro che ben presto potrebbe diventare uno strumento obbligatorio all'interno di aziende, fabbriche ed uffici.
Qual'è lo scopo di questo oggetto?
 
Lo scopo principale è migliorare la salute del lavoratore che fino a ieri doveva correre dal medico per certificare il suo stato di salute, domani tutto sarà più semplice perché quando ci ci sentirà stanchi e spossati basterà misurare davanti ad un incaricato (capo reparto, infermiere, datore di lavoro o qualsiasi persona a cui verrà assegnato questo compito) il livello energetico presente nel corpo e se questo sarà al di sotto del limite stabilito, si potrà concedersi un riposo di minimo 20 minuti, fino ad ottenere il permesso autorizzato di uscita anticipata dal lavoro nei casi più gravi.
 
I ricercatori sono fiduciosi e soddisfatti della propria invenzione, pensano che grazie all'Affaticometro nessuno in futuro sarà più costretto a lavorare in condizione non idonee, pensano inoltre che preverremmo così molti esaurimenti nervosi e di conseguenza ci sarà minor bisogno di ricorrere ad antidepressivi.

Basta più mal di testa allucinanti, errori di distrazione ed ore passate a lavorare in agonia a causa della stanchezza tra uno sbadiglio e l'altro, basta occhi che bruciano e che si chiudono da soli, lavorare è un diritto, ma anche la nostra salute lo è.

Prevenire è meglio che curare e allora preveniamo.

Da: QUI

Scritto da Gerardo

NEWS CATEGORIA
Ecco la canzone che sconfigge l'agitazione! VIDEO
Ecco la canzone che sconfigge l'agitazione! VIDEO
(Firenze)
-

Secondo una ricerca condotta negli Usa esiste un brano in grado di ridurre la tensione del 65%. È poco noto ma, forse, anche troppo efficace
Male di vivere, angoscia esistenziale, dolore diffuso. C’è chi si abbandona allo...

Modalita' notturna di WhatsApp? Ecco come sara'!
Modalita' notturna di WhatsApp? Ecco come sara'!
(Firenze)
-

Sembra essere questione di poche settimane, è una delle modalità più attese da milioni di utenti.
Se ne parla da tempo, addirittura dallo scorso autunno, ma finalmente il momento...

Carnevali piu' belli d'Italia: quali visitare
Carnevali piu' belli d'Italia: quali visitare
(Firenze)
-

Carnevali piu' belli d'Italia - Vuoi vivere tutto l'entusiasmo del Carnevale in Italia? Scopri i programmi di Venezia, Viareggio e Putignano, città simbolo degli eventi carnevaleschi.
CARNEVALI PIU' BELLI D'ITALIA - Non sarà di certo la festa della sincerità, ma...

Meta' dei dipendenti al Sud guadagna meno del reddito di cittadinanza
Meta' dei dipendenti al Sud guadagna meno del reddito di cittadinanza
(Firenze)
-

Si chiama “effetto spiazzamento” ed è quello che potrebbe avvertire quasi metà (il 45% per l’esattezza) dei lavoratori dipendenti privati del Sud che - conti alla mano - guadagnano meno dei futuri percettori del reddito di cittadinanza da 780 euro
Si chiama “effetto spiazzamento” ed è quello che potrebbe avvertire quasi metà...

Mappa del mondo 120 milioni di anni fa: chi la incise?
Mappa del mondo 120 milioni di anni fa: chi la incise?
(Firenze)
-

Scienziati russi hanno annunciato di aver trovato nella regione degli Urali una grande lastra minerale di origine artificiale che ritengono vecchia di 120 milioni di anni e che riporterebbe una mappa geografica in rilievo della regione
«Scienziati russi hanno annunciato di aver trovato nella regione degli Urali una...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati