Ponte sullo Stretto: ecco cosa i media non ti dicono

(Messina)ore 08:20:00 del 04/12/2016 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Sociale

Ponte sullo Stretto: ecco cosa i media non ti dicono
In Sicilia “dei 1.209 chilometri di ferrovia presenti, solo 178 sono a doppio binario, tutto il resto è ancora a binario unico.

Giustamente è arrabbiato come una iena Renato Accorinti, sindaco Messina, solo a sentire le parole di Renzi, ma, attenzione, sbaglia quando si dice sicuro che il Ponte non si farà mai perché è “un’opera dai costi enormi, sorpassata dalla storia e anche dall’economia”.

Le infrastrutture portano ricchezza? Tanti anni fa, il comune di Montezemolo aveva addirittura il casello autostradale sull’autostrada Torino-Savonae, ciononostante, era il comune più povero del Piemonte. Cuneo non ha di fatto né autostrada né ferrovia, ed è una città prosperosa. La Calabria con un treno che le sfreccia all’interno diventerebbe ricca?!? Ce lo spieghi Renzi. L’opera servirebbe “per avere una Sicilia più vicina e raggiungibile”. Ehilà, da dove deriva tutto questo improvviso interesse per un treno in Sicilia, caro Renzi? Allora, in Sicilia “dei 1.209 chilometri di ferrovia presenti, solo 178 sono a doppio binario, tutto il resto è ancora a binario unico. Non solo. Di questi, ben 578 chilometri sono non elettrificati: su queste rotaie possono viaggiare solo treni diesel”.

A forza di fare autostrade, linee ferroviarie e ponti costosissimi, ci troveremo nella situazione
di dover chiudere i pochi ospedali sopravvissuti e a vedere i pazienti dimessi durante l'operazione.
Dicono servano i ponti : per noi servirebbero di più gli ospedali.

I nostri politici sono solo dei fessi o sono proprio dei criminali? Criminali dal mio personale punto di vista non significa che commettono reati (può essere anche questo ma non ne ho le prove), ma che commettono scientemente “crimini” contro l’ambiente. Non passa quasi giorno che non mi assilli il quesito, cui ovviamente “tertium non datur”: o sono l’uno o sono l’altro. So già che qualcuno mi dirà che sono tutt’e due. Può essere, voglio però essere buono.

L’ho potuto toccare con mano io con la Tav Torino-Lione. Nel 2001 l’accordo italo-francese sottoscritto da Amato e Chirac prevedeva che il nuovo collegamento “dovrebbe entrare in servizio alla data di saturazione delle opere esistenti”. Da allora, il traffico sulla linea storica è ulteriormente diminuito, né c’è sentore che aumenti: oggi si attesta sulla metà circa del potenziale della linea. Ciononostante, il buco lo stanno realizzando. Quindi, non siamo troppo ottimisti: a lungo andare il rischio che realizzino l’ennesima opera pubblica senza logica c’è, eccome.

Il mio ragionamento, il ragionamento di Accorinti sono sensati, sono razionali. Ma quando ci sono in ballo milioni di euro, il raziocinio, la sensatezza vanno a farsi benedire. L’utilità pubblica, poi, diventa l’ultima delle preoccupazioni.

L’opera creerà “centomila posti di lavoro”: per chi? Per gli italiani? Ha presente Renzi che esistono sub-sub appalti? Che per le Olimpiadi del 2006 a Sestriere lavoravano i cinesi? Per cosa? Solo per il Ponte? Bum. Assomigliano tanto al milione di posti di lavoro di Berlusconi. E per quanto tempo, poi? “Per togliere innanzitutto la Calabria dall’isolamento nel quale è”.

Il dubbio mi assilla ancor di più da quando il nostro non votato presidente del Consiglio si è lasciato andare all’esternazione che l’Alta velocità ferroviaria dovrà andare da Napoli a Palermo, il che significa che occorrerà fare il Ponte sullo Stretto. Mi ci sarei giocato non so cosa che, andando all’assise di coloro che foraggiano in voti il suo partito, ossia i grandi costruttori, nella specie il colosso Salini-Impregilo, avrebbe rilanciato il progetto del Ponte. E’ stato così che, rivolgendosi affettuosamente a Pietro Salini, chiamato “caro Pietro”, il “nostro” – che, come si sa, essendo spocchioso manca di senso del ridicolo – si è lasciato andare ad alcune vere e proprie baggianate.

Scritto da Luca

NEWS CATEGORIA
Sondaggi: 6 italiani su 10 NON vogliono l'immigrazione
Sondaggi: 6 italiani su 10 NON vogliono l'immigrazione
(Messina)
-

Censis: sei italiani su dieci non vogliono l’immigrazione
Sei italiani su dieci non vogliono immigrati extracomunitari, il 45% non ne...

Perquisizioni in casa Lega per riciclaggio di 49 milioni
Perquisizioni in casa Lega per riciclaggio di 49 milioni
(Messina)
-

Blitz della finanza a Bergamo nella sede dei commercialisti del partito dove è registrata l’associazione Più voci finanziata dal costruttore Luca Parnasi.
Non c'è pace per la Lega di Matteo Salvini. Dopo la notizia dell'indagine sul...

Natale 2018: come difendersi dai REGALI TRUFFA
Natale 2018: come difendersi dai REGALI TRUFFA
(Messina)
-

Non più frenetiche passeggiate in centro, auto parcheggiate in doppia fila e lunghe code in libreria.
Non più frenetiche passeggiate in centro, auto parcheggiate in doppia...

Agonia UE, elettori traditi. Unica chance? ITALEXIT
Agonia UE, elettori traditi. Unica chance? ITALEXIT
(Messina)
-

Dopo la bocciatura definitiva della manovra da parte della Commissione Europea con la prospettiva dell’apertura della procedura d’infrazione contro l’Italia per deficit eccessivo, da più parti ci si chiede quale strada percorrere.
Dopo la bocciatura definitiva della manovra da parte della Commissione Europea...

Natale: la SOLITA storia degli imprenditori (PRENDITORI) degli italiani che non vogliono lavorare
Natale: la SOLITA storia degli imprenditori (PRENDITORI) degli italiani che non vogliono lavorare
(Messina)
-

Si avvicina il Natale, periodo in cui i politici pensano ai presepi e alle feste di fine anno negli asili, gli italiani alla busta paga e a come far quadrare i conti e le imprese a lamentarsi di non riuscire a trovare personale.
Si avvicina il Natale, periodo in cui i politici pensano ai presepi e alle feste...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati