Pignoramento e Decreto Semplificazioni: cosa cambia

(Napoli)ore 12:36:00 del 16/02/2019 - Categoria: , Nuove Leggi, Politica

Pignoramento e Decreto Semplificazioni: cosa cambia
Il decreto Semplificazioni, diventato legge, cambia le regole del pignoramento di immobili. Il debitore che vive nella casa dovrà andarsene solo dopo il decreto di trasferimento.

Il decreto Semplificazioni, diventato ormai legge, prevede una modifica sostanziale alla disciplina del pignoramento degli immobili dei debitori.

Dunque, la legge in questione va a cambiare l’articolo 560 del Codice di procedura civile in materia di custodia, stabilendo che tutte le tipologie di debitori ed i loro familiari hanno diritto a restare nell’immobile fino all’emissione del decreto di trasferimento.

Tuttavia, durante questo periodo, il debitore è tenuto a consentire che gli eventuali acquirenti visitino l’immobile, ma sempre in accordo con il custode della casa.

Il caso Bramini

Prima ancora di diventare legge, il decreto Semplificazioni prevedeva il ritocco dell’articolo 560 del Codice di procedura civile (sul modo della custodia) con lo scopo di fornire una tutela maggiore agli esecutati che al tempo stesso vantavano dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Questa volontà si ispirava ad un caso di cronaca divenuto noto come “il caso Bramini”, un imprenditore sottoposto a procedura fallimentare a cui avevano pignorato la casa nonostante vantasse un credito di ben 4 milioni di euro nei confronti della PA.

L’obiettivo del “ritocco” - che poi si è trasformato in una riscrittura totale - era quello di tutelare il proprietario dell’immobile da pignoramenti ingiustificati, specie perché la posizione debitoria si sarebbe potuta compensare con i crediti verso lo Stato.

Pignoramento: cosa cambia con il decreto Semplificazioni

Il decreto Semplificazioni è ormai legge. Tra le diverse novità introdotte, dobbiamo menzionare la totale riscrittura dell’articolo 560 del Codice di procedura civile (ben oltre il ritocco precedentemente previsto).

L’articolo in questione recita:

“l debitore e il terzo nominato custode debbono rendere il conto a norma dell’articolo 593. Ad essi è fatto divieto di dare in locazione l’immobile pignorato se non sono autorizzati dal giudice dell’esecuzione.”

Ora questa tutela è stata estesa a tutte le tipologie di debitori, e non solo ai debitori che vantano dei crediti nei confronti dello Stato.

In pratica la legge stabilisce che il debitore o i suoi familiari che vivono nell’immobile non ne perdono il possesso fino al decreto di trasferimento.

Tuttavia, durante questo periodo, il debitore dovrà concedere ai potenziali acquirenti di visitare l’immobile, sempre in accordo con il custode. Ciò significa che il giudice non può ordinare il rilascio dell’immobile pignorato prima del definitivo decreto di trasferimento.

Quando viene nominato un custode, egli ha il dovere di vigilare sulla corretta conservazione della casa e di tutte le pertinenze con la diligenza del buon padre di famiglia. Inoltre al debitore è sempre vietato dare la casa in locazione a terzi, salvo che ciò sia autorizzato dal giudice dell’esecuzione.

Da: QUI

Scritto da Gerardo

NEWS CATEGORIA
FALLIMENTO MOSE: costato 5,5 miliardi di euro
FALLIMENTO MOSE: costato 5,5 miliardi di euro
(Napoli)
-

State sereni, il suo obiettivo lo ha raggiunto: far mangiare tutti gli sciacalli che ci giravano intorno!
Mose, con le tangenti di Galan appartamenti di lusso a Dubai. Sequestrati 12,3...

L'UE teme la Brexit? Sempre per l'interesse della GERMANIA, dove l'economia e' a PICCO
L'UE teme la Brexit? Sempre per l'interesse della GERMANIA, dove l'economia e' a PICCO
(Napoli)
-

La Germania è decisiva per l’economia Ue. Non è una novità. La novità è che l’economia tedesca sta collassando. Non rallentando… nemmeno attraversando delle turbolenze.
La Germania è decisiva per l’economia Ue. Non è una novità. La novità è che...


(Napoli)
-


Tagli per non alzare le tasse: il Def della "recessione" preoccupa un po'...

ABUSO D'UFFICIO: Michele Emiliano (presidente Puglia) indagato per le primarie PD del 2017
ABUSO D'UFFICIO: Michele Emiliano (presidente Puglia) indagato per le primarie PD del 2017
(Napoli)
-

Con Emiliano sono indagati anche il capo di gabinetto della Regione e tre imprenditori.
Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, è indagato per abuso...

200 mila BUROCRATI di Stato: ci costano 25 miliardi l'anno
200 mila BUROCRATI di Stato: ci costano 25 miliardi l'anno
(Napoli)
-

Ogni anno gli alti dirigenti dichiarano di avere raggiunto gli obiettivi, anche se la percezione della loro efficienza è decisamente bassa
Ogni anno gli alti dirigenti dichiarano di avere raggiunto gli obiettivi, anche...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati