Padoan fa il rigorista contro la flat tax...peccato che lui fabbrica DEFICIT

(Napoli)ore 23:11:00 del 19/01/2018 - Categoria: , Denunce, Economia, Lavoro, Politica

Padoan fa il rigorista contro la flat tax...peccato che lui fabbrica DEFICIT
Altro che buchi. Hanno fatto leggi che i prossimi governi dovranno pagare (debiti aggiunti) fino a oltre il 2020.

Altro che buchi. Hanno fatto leggi che i prossimi governi dovranno pagare (debiti aggiunti) fino a oltre il 2020. Hanno scialacquato per i clandestini 5 miliardi annui, per diversi anni, più gli extra, più le altre voci, poi agli altri che verranno chiederanno di pagare il loro conto e pure il rigore per attaccarli. Film già visto.

Questa è gentaglia alla quale dà fastidio che la gente possa stare meglio senza di loro. D'altra pare vi sono altre esperienze positive nel mondo sulla flat tax. Per i comunisti invece è sono buone solo le tasse. Che farabutti. Anche la Russia e la Cina si sono convertite e hanno eliminato il comunismo, invece da noi sono stati al governo per 5 anni senza nemmen o essere stati eletti. Delinquenti.

Fino a pochi giorni fa era proprio il governo italiano, quindi anche il ministro dell'Economia, ad essere attenzionato dai paesi rigoristi, quindi dalla Germania, per gli eccessi di spesa e le troppe concessioni. Il giudizio finale sulla legge di Bilancio firmata dal ministro Padoan è ancora sospeso. Di certo c'è che è fatta in deficit per circa 15 miliardi. Tre di questi sono di fatto fuori dai patti europei. I principali impegni di spesa, a parte il rinvio dell'aumento dell'Iva, riguardano i pubblici dipendenti, in particolare il rinnovo del contratto degli statali e delle autonomie locali. Poi micromisure varie. Non riforme strutturali, insomma, ma la stessa spesa corrente che ha fatto esplodere il debito.

Il ministro in carica, insomma, è fedele al principio del tassa e spendi. Non a caso negli ultimi giorni ha preso di mira la flat tax, proposta dal centrodestra. «Tipico prodotto bacchetta magica. Perché sembrerebbe che abbia, a prescindere dall'aliquta, due effetti immediati: semplificazione e abbattimento delle tasse. Capisco che susciti entusiasmo, ho sentito di persone che pensano di votare per questo, ma diteci dove trovate le decine e decine di miliardi che servono e diteci come l'effetto non sia regressivo, ossia che avvantaggi i più ricchi»

La polemica sulla copertura è sbagliata, gli ha replicato il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta, imputando al ministro l'avere fatto aumentare il debito pubblico dopo avere promesso una riduzione certa. La candidatura nel Pd, proietta Padoan in uno scenario meno tecnico e più politico. Da qui la polemica sull'effetto regressivo della tassa, cavallo di battaglia della sinistra. Le proposte del centrodestra prevedono una no tax area e detrazioni che garantiscono il rispetto del principio.

Anche ieri è continuato il braccio di ferro tra i sostenitori della tassa ad aliquota unica e i detrattori. «L'ostilità del Pd e del Movimento 5 Stelle alla flat tax non sorprende. Entrambi sono animati da una cultura antiliberale che considera la pressione fiscale come lo strumento per moltiplicare la spesa pubblica improduttiva, elettoralmente strategica», ha attaccato il senatore di Forza Italia Andrea Mandelli.

All'attacco della flat tax Maurizio Martina, ministro dell'Agricoltura e vicesegretario del Pd. Proposte «surreali», per mancanza di coperture, ha spiegato ieri.

Con l'intervista al principale quotidiano economico tedesco Padoan cerca di accreditarsi come unico interlocutore dell'Europa in Italia. A Matteo Renzi serve un candidato di punta che sia gradito all'Unione europea e in grado anche di convincere la Germania. Sparare contro la flat tax è una delle poche carte che restano il Pd a questo tavolo.

Che la campagna sul fisco sia entrata nel vivo lo dimostra lo spazio concesso ieri dal quotidiano la Repubblica a uno studio-sondaggio dell'Ufficio valutazione impatto del Senato, dal quale emerge che l'evasione vale 132 miliardi di redditi e 32 di gettito (cifra inferiore ad altre stime) ed è concentrata su lavoratori autonomi e proprietari di immobili locati. Con la cedolare secca, ha osservato il presidente di Confedilizia Giorgio Spaziani Testa, in realtà il gettito è aumentato. Il fisco, insomma, si conferma il grande tema di queste elezioni

Scritto da Gregorio

NEWS CATEGORIA
Meta' dei dipendenti al Sud guadagna meno del reddito di cittadinanza
Meta' dei dipendenti al Sud guadagna meno del reddito di cittadinanza
(Napoli)
-

Si chiama “effetto spiazzamento” ed è quello che potrebbe avvertire quasi metà (il 45% per l’esattezza) dei lavoratori dipendenti privati del Sud che - conti alla mano - guadagnano meno dei futuri percettori del reddito di cittadinanza da 780 euro
Si chiama “effetto spiazzamento” ed è quello che potrebbe avvertire quasi metà...

Renzi, nessuna autocritica: il personaggio diventato SCHIAVO di se stesso
Renzi, nessuna autocritica: il personaggio diventato SCHIAVO di se stesso
(Napoli)
-

Nessuna autocritica, toni grillini col governo, pubblico è una curva. L'Altra strada è l'eterna riproposizione di sé come progetto politico
Anche la presentazione del libro diventa uno spettacolo populista, che affoga la...

54% degli elettori vuole governo Lega centrodestra e non rivoterebbero i 5 stelle!
54% degli elettori vuole governo Lega centrodestra e non rivoterebbero i 5 stelle!
(Napoli)
-

Nella rilevazione compare anche il Tav: per il 43% degli elettori il governo non deve tenere conto dell’analisi costi-benefici sull'alta velocità Torino-Lione
Il 54% degli elettori preferirebbe una coalizione Lega-centrodestra, mentre per...

UE in crisi, resto del mondo in RIPRESA: MA NON VE LO DICONO
UE in crisi, resto del mondo in RIPRESA: MA NON VE LO DICONO
(Napoli)
-

I veri dati dell'economia sono clamorosi e confermano quello che è successo negli ultimi venti anni nel mondo (di positivo) e nella Unione Europea (di negativo)
Andiamo sempre peggio, si sente dire al Bar del pensiero luogocomunista. Si...

I 4 miliardi di tagli alla scuola nascosti dal governo
I 4 miliardi di tagli alla scuola nascosti dal governo
(Napoli)
-

L’istruzione sembra diventata il bancomat dei governi, da cui prelevare risorse ogni volta che ce n’è bisogno
L’istruzione sembra diventata il bancomat dei governi, da cui prelevare risorse...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati