ODE alla Spagna che mette al PRIMO POSTO il RISPETTO DELLE REGOLE

(Firenze)ore 10:39:00 del 21/06/2018 - Categoria: , Calcio

ODE alla Spagna che mette al PRIMO POSTO il RISPETTO DELLE REGOLE
«Lo abbiamo saputo soltanto cinque minuti prima del comunicato ufficiale», ha spiegato il presidente Luis Rubiales (41 anni, ripetiamo: 41 anni) in una conferenza stampa che dovrebbe essere presa ad esempio per un corso universitario su “come si sta al mo

«Lo abbiamo saputo soltanto cinque minuti prima del comunicato ufficiale», ha spiegato il presidente Luis Rubiales (41 anni, ripetiamo: 41 anni) in una conferenza stampa che dovrebbe essere presa ad esempio per un corso universitario su “come si sta al mondo”.

Vincere è importante, ma esistono cose più importanti, come il modo di lavorare. Dobbiamo inviare un messaggio chiaro ai dipendenti della federazione spagnola, ci sono modi di fare che devi rispettare.

E Lopetegui, è ovvio, non li ha rispettati. Per cui è fuori dalla Nazionale. A due giorni dal Mondiale. Anche se gran parte della squadra, Sergio Ramos in testa, lo avrebbero voluto in panchina in Russia.

Il punto è quindi il rispetto delle regole. La federcalcio spagnola ha lanciato un messaggio inequivocabile: vengono prima le regole e poi le persone. Non esistono dipendenti di serie A e di serie B.

Il senso di appartenenza

Consentiteci, è un messaggio fortemente erotico. Che trasmette uno straordinario senso di appartenenza. Una carica di orgoglio e dignità. Una assoluta forma di rispetto per la Nazionale. Per la federcalcio. Quindi per il tuo Paese. Per la Spagna.

Una scelta coraggiosa. Perché se la Spagna dovesse naufragare ai Mondiali, le responsabilità saranno tutte in capo alla Federazione. E non va certamente sottovalutato l’implicito atto di accusa della federcalcio spagnola nei confronti del club più importante di Spagna: il Real Madrid. È conseguente l’altro messaggio: il Madrid di Florentino Perez si è comportato in maniera scorretta, ha turbato l’equilibrio della Spagna. E noi federazione lo gridiamo a tutto il Paese.

L’Italietta che non sa nemmeno gestire una squadra Under 15

Viene da piangere pensando alla nostra Italietta. Dove – stando soltanto a un episodio della ultime 24 ore, non serve andare tanto a ritroso nel tempo – non abbiamo avuto il coraggio di punire in maniera esemplare una squadra di quindicenni protagonisti di video razzisti e di scherno all’indirizzo degli avversari appena battuti. La vicenda del video dei ragazzini della Juventus under 15 è finita come al solito in caciara: con un corso educativo, formativo, per questi ragazzini cui qualche agè della federcalcio spiegherà il rispetto dell’avversario e l’uso corretto dei social. Nemmeno il presidente del Coni ha avuto il coraggio di indicare la strada, si è limitato a un generico “episodio gravissimo” stando bene attento a precisare che il Coni “non ha poteri per intervenire”. Ed evitiamo di ricordare Tavecchio, Opti Pobà, le quattro lesbiche e tutto l’armamentario dell’orrore che ben conosciamo.

Da noi il concetto di punizione esemplare non esiste. La punizione che ti fa comprendere che c’è un confine da non superare. Figurarsi. Non è un caso se la Spagna non ci fa vedere il pallone dal 2008 e se in tutti gli sport ci danno tre piste ormai da tempo. Lo sport è disciplina. È educazione. È rispetto: di sé, dell’avversario e delle regole. Valori che da noi non hanno più alcun significato. Possiamo solo provare invidia per un sistema che in Italia non avremo mai.

Da: QUI

Scritto da Samuele

NEWS CATEGORIA
Come le le grandi squadre si sono comprate il calcio
Come le le grandi squadre si sono comprate il calcio
(Firenze)
-

Un unico campionato su scala europea, alternativo ai tornei nazionali e alla Champions. Ecco il progetto segreto sponsorizzato dai club più ricchi d'Europa, tra cui Juventus, Real Madrid e Barcellona
Una Superlega europea del pallone. Un campionato riservato alle squadre più...

La Var c'e': perche' gli arbitri italiani NON la usano?
La Var c'e': perche' gli arbitri italiani NON la usano?
(Firenze)
-

L’analisi del quotidiano romano: «Il protocollo Var non è cambiato, solo che gli arbitri vogliono dimostrare di non aver bisogno di “aiutini”».
Il Var è da tempo un tema caldo, per i giornali. Dopo gli episodi controversi di...

L'esercito finanziario del Milan? Bilancio in rosso di 126 milioni di euro
L'esercito finanziario del Milan? Bilancio in rosso di 126 milioni di euro
(Firenze)
-

L’esercizio finanziario riferito alla stagione 2017/2018 risente della campagna acquisti dello scorso anno, anche se i ricavi sono in aumento.
Deficit in crescita rispetto allo scorso anno Il Milan ha pubblicato il...

Cosa rischia Cristiano Ronaldo
Cosa rischia Cristiano Ronaldo
(Firenze)
-

Cristiano Ronaldo e il presunto stupro: le differenze giudiziarie fra Italia e Usa.
 Cristiano Ronaldo e il presunto stupro: le differenze giudiziarie fra Italia e...

Cristiano Ronaldo: il caso stupro si affaccia sui giornali italiani
Cristiano Ronaldo: il caso stupro si affaccia sui giornali italiani
(Firenze)
-

Repubblica, Corsera e Stampa puntano sulla fuga degli sponsor. La Gazzetta mette due righe in fondo all’articolo. In prima pagina sul Times e l’Independent
Niente in prima pagina, ma qualcosa si muove Con un po’ di fatica l’inchiesta...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati