Occhio a tuo figlio: in Italia un 13enne su 5 gia' fuma

(Firenze)ore 09:07:00 del 13/04/2019 - Categoria: , Ambiente, Salute, Sociale

Occhio a tuo figlio: in Italia un 13enne su 5 gia' fuma
Sigarette tradizionali ed e-cig utilizzate troppo precocemente: in Italia, molti ragazzini di 10 anni già si trovano con una sigaretta tra le mani e nella fascia di età tra i 13 e i 15 anni fuma un ragazzo su cinque

Sigarette tradizionali ed e-cig utilizzate troppo precocemente: in Italia, molti ragazzini di 10 anni già si trovano con una sigaretta tra le mani e nella fascia di età tra i 13 e i 15 anni fuma un ragazzo su cinque. Le ragazze fumano di più rispetto ai loro coetanei e tra di tutti l’uso delle sigarette elettroniche, considerato erroneamente meno dannoso, è raddoppiato negli ultimi 4 anni.

Sono i numeri che emergono dall’indagine Global Youth Tobacco Survey, che coinvolge 180 Paesi sull’uso del tabacco tra i giovanissimi, promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità. Il dossier registra anche un dato altrettanto allarmante: per i minorenni è molto facile acquistare tutti i tipi di sigarette, nonostante i divieti di vendita.

In Italia, l’indagine ha coinvolto 33 scuole secondarie di primo grado e 33 scuole secondarie di secondo grado, per un totale di quasi 1700 studenti. Le scuole hanno eseguito le valutazioni in giorni e periodi diversi, tra dicembre 2017 e aprile 2018.

Il boom del fumo tra i ragazzi

La fascia di età della "iniziazione" al fumo è quella della scuola secondaria di primo grado, quindi dai 10 in poi1 su 5 fuma quotidianamente le sigarette tradizionali e il 18% quelle sigarette elettroniche. Riguardo a queste ultime, in soli 4 anni la loro diffusione è diventata paragonabile a quella della sigaretta tradizionale: i fumatori abituali sono più che raddoppiati, mentre i consumatori occasionali risultano aumentati del 60%.

Le ragazze sono fumatrici abituali di sigaretta tradizionale nel 24% dei casi contro il 16% dei coetanei maschi, mentre per quanto riguarda la sigaretta elettronica sono i ragazzi ad usarla solitamente di più rispetto alle coetanee.

E se volessero smettere? L’81% degli intervistati pensa di poter smettere quando si vuole, ma nella realtà poco più della metà ha tentato di farlo negli ultimi 12 mesi. Solo 1 ragazzo su 2 ha ricevuto un aiuto per riuscire a smettere.

Il fumo passivo, questo sconosciuto

Non tutti sanno che quello passivo fa male quanto, se non di più, il fumo attivo. Si pensi che solo in casa un ragazzo su 2 riferisce di essere stato esposto a fumo passivo nell’ultima settimana. Non meglio a scuola dove sono ancora troppo alti i valori del non rispetto del divieto di fumo all’interno e all’esterno, anche se i dati risultano in calo dopo la normativa entrata in vigore nel 2003 (“legge Sirchia” Legge 3/2003 “Tutela della salute dei non fumatori” che vieta il fumo nei locali pubblici) e quella del 2013 (Legge n. 104/2013 che estende il divieto anche nelle pertinenze scolastiche esterne).

Si riduce nel contempo la percentuale di insegnanti che fumano all’interno della scuola passando dal 44% del 2010 al 14% del 2018, così come quella degli studenti che scende da 56% del 2010 al 29% del 2018. Si riduce meno il fumo nelle pertinenze esterne della scuola: gli insegnanti scendono dal 67% del 2010 al 45% del 2018 e gli studenti dal 76% del 2010 al 65% del 2018.

Inoltre, è in aumento il favore espresso dai ragazzi dell’estensione del divieto in altri ambiti come per esempio il divieto di fumare nelle automobili (che ha registrato il consenso del 93% degli intervistati e oggetto del recepimento della direttiva del 2016) ma anche quello in luoghi all’aperto come gli stadi, la spiaggia, i parchi o la fermata del bus.

Acquisti troppo facili

L’acquisto di sigarette nelle tabaccherie da parte dei minori è troppo facile: il 20% dei ragazzi acquista abitualmente sigarette nelle tabaccherie e ben il 68% di questi afferma che nessuno gli ha rifiutato la vendita a causa della minore età.

Quanto alle sigarette elettroniche, 8 ragazzi su 10 la ottengono da un amico. Tra chi tenta invece di comprarle, il 76% non ha ricevuto il rifiuto di vendita per minore età, previsto anche per le e-cig.

Dati preoccupanti? Diciamo anche di sì. Sono numeri questi che dovrebbero mettere in allarme noi genitori: quanto sappiamo dei nostri figli? Abbiamo inculcato bene loro i danni che può provocare il vizio del fumo o, anche, il rispetto delle regole (non fumare a scuola, per esempio…)?

Da: QUI

Scritto da Gerardo

NEWS CATEGORIA
Smartphone: le notifiche? Danno DIPENDENZA come l'oppio
Smartphone: le notifiche? Danno DIPENDENZA come l'oppio
(Firenze)
-

Gli smartphone? Una droga. «Le notifiche danno dipendenza come l'oppio»
Ci permettono di rimanere sempre connessi e informati ma siamo sempre più...

Miele al supermercato? Il 75% non e' VERO MIELE!
Miele al supermercato? Il 75% non e' VERO MIELE!
(Firenze)
-

Test effettuati su larga scala nei supermarket americani rivelano che circa il 75% del miele sul mercato non è miele.
Test effettuati su larga scala nei supermarket americani rivelano che circa il...


(Firenze)
-


Sono più che raddoppiate in otto mesi le persone che...

Canapa e Cannabis: 10 cose che NON SAI
Canapa e Cannabis: 10 cose che NON SAI
(Firenze)
-

10 cose che non sai su Marijuana, Canapa o Cannabis (sono la stessa pianta) e che assolutamente dovresti sapere…
1) Marijuana, Canapa o Cannabis sono la stessa pianta. Oggi vengono comunemente...

Testimoni Di Geova SPA: conti segreti e SOLDI dietro la FEDE
Testimoni Di Geova SPA: conti segreti e SOLDI dietro la FEDE
(Firenze)
-

Può un “ente religioso, di istruzione, assistenza e beneficenza” investire in un fondo che ha sede in un paradiso fiscale?
Cosa hanno in comune la Watch Tower Bible and Tract Society of Pennsylvania,...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati