Non ci resta che il crimine: la commedia con Leo e Giallini. VIDEO

(Roma)ore 18:06:00 del 17/01/2019 - Categoria: , Cinema

Non ci resta che il crimine: la commedia con Leo e Giallini. VIDEO
Arriva al cinema la nuova commedia di Massimiliano Bruno e Nicola Guaglianone con Marco Giallini e Edoardo Leo.

NON CI RESTA CHE IL CRIMINE, RECENSIONE - Dopo una piccola parentesi attoriale, Massimiliano Bruno torna a firmare la sua sesta prova alla regia con un cast figlio della miglior commedia all’italiana. Non ci resta che il crimine vede reclutate tra le sue fila infatti niente meno che Alessandro GassmannMarco Giallini e Gianmarco Tognazzi. Tre amici abituati a fare nella propria vita di necessità virtù, e per questo pronti a lasciarsi catapultare nelle sfide più improbabili.

NON CI RESTA CHE IL CRIMINE, RECENSIONE - L’ultima è quella che li vede protagonisti di un tour tra i luoghi più suggestivi della Banda della Magliana. Tra pantaloni a zampa, giubbotti in pelle nera e Rayban specchiati, i tre sono quanto di più distante dalle guide turistiche tradizionali della capitale. E infatti tutto finiranno per vivere fuorché una giornata tradizionale. Con la complicità di un amico-nemico d’infanzia, Gianfranco (Massimiliano Bruno), i tre si ritroveranno coinvolti in un’avventura più grande di loro. Un’avventura iniziata con delle semplici pistole made in China e finita al fianco dei più grandi boss mafiosi della storia.

NON CI RESTA CHE IL CRIMINE, RECENSIONE - Un insospettabile varco spazio-tempo è quanto basta a catapultarli indietro di qualche decennio fino ai gloriosi giorni dei Mondiali di Spagna ’82 e delle scommesse clendestine nella bettola di Renatino. Interpretato da un virtuosissimo Edoardo Leo, Renatino de Pedis è il capo di quell’organizzazione che fino a poco prima i tre stavano scimmiottando. La reazione allora è spontanea: scappare o provare a cambiare il corso della storia? Una giovane e sfacciata ballerina (Ilenia Pastorelli) sarà letteralmente la chiave della risposta.

Oggi il cinema è cambiato, il pubblico è cambiato, cerca la commedia complessa, corale, con una trama piena di sviluppi anche inaspettati. Una serie tv agevola il tutto, ma al cinema si può ancora fare un film così narrativamente così strutturato? decisamente si. Genovese è stato il primo ad aver messo in piedi un film dal cast di primo livello, con una trama così ramificata e a oggi, del successo di “Perfetti sconosciuti” se ne parla in tutto il mondo grazie ai tantissimi remake che hanno riscosso un enorme successo. Quel film ha aperto le porte a una nuova stagione di cinema italiano che ha visto, tra i suoi autori più importanti un uomo come Nicola Guaglianone, uno che ha capito la strada da percorrere. Nicola, inoltre, si è inserito in mondi che il cinema italiano non aveva ancora affrontato in maniera moderna. Basta vedere l’ultimo film sulla befana, fatto e impacchettato per un pubblico di bambini, da vedere e rivedere durante le feste natalizie che, grazie al suo passaparola gli ha permesso di incassare quasi 7 milioni di euro, cifra che ad oggi è ritenuta alta. È un ragionamento che lentamente stanno applicando tanti altri suoi colleghi, come ad esempio il prossimo film di Matteo Rovere che vede protagonisti Alessandro Borghi e Alessio Lapice. Max non poteva non contattarlo e scrivere assieme ad Andrea Bassi, Roberto Marchionni (conosciuto come “Menotti”) un film come questo.

[video]

Marco Giallini e Alessandro Gassman, entrambi al quarto film con Bruno hanno accettato di lavorare con lui sulla parola, pur senza averlo ancora scritto, questo ha reso più facile il lavoro degli sceneggiatori. Loro sono una coppia comica che rasenta la perfezione (solo perché nella scienza quest’ultima non esiste). Due fisicità importanti, uno più duro come carnefice, l’altro vittima, un gioco che funziona da anni. Però il vero valore aggiunto di loro due è che, nonostante ci sia questo dualismo, non c’è una debolezza di fondo di colui che “subisce” rendendo una visione scenica come un gioco affascinante e divertente al tempo stesso.

Ma allora cosa possiamo fare con questi 2 personaggi, rischiando qualcosa e proponendo la vera innovazione? Renderli un trio, portarli indietro nel tempo e capire cosa possono fare questi tre perdenti in un mondo del genere con la tecnologia avanti 30 anni. Rendere credibile un paradosso è una delle tante abilità di Nicola Guaglianone: basta pensare a Jeeg quando Enzo acquisisce i poteri e ne ha piena consapevolezza cosa fà? Preleva un bancomat dal muro. Quindi Moreno che vuole sbancare il lunario facilmente cosa farà mai avendo accanto a se un esperto dei risultati calcistici?

Se da un lato mostra una solidità nella scelta del cast, non tutti gli elementi però rispettano quei canoni di sicurezza attesi. Edoardo Leo è uno di questi. Conosciuto al grande pubblico per il suo viso buono (basti vedere il naso), nonostante ha già preso parte a qualche ruolo come cialtrone, nella sua carriera non ha mai interpretato un vero e proprio cattivo come in questo caso. Renatino, il suo personaggio, è veramente esistito ed è stato già interpretato, in chiave romanzata dai colleghi Claudio Santamaria e Alessandro Roja. Durante la conferenza stampa, Edoardo ha raccontato ai giornalisti di aver cancellato le precedenti esperienze in chiave romanzata (ricordiamo che nella serie ha vissuto in prima persona il Dandi avendone partecipato attivamente con il ruolo di Nembo Kid) e ha esasperato quello che già in sceneggiatura era presente creando per la prima volta un buonissimo cattivo, che è stato credibile dal momento in cui spara il primo colpo.

Il film è divertente, cattura lo spettatore in un opera registica che mette insieme “Ritorno al Futuro”, “Non ci resta che piangere” e “i soliti ignoti”, prendendo in giro tutto questo filone criminale nato da qualche anno in Italia, con ritmi di un poliziesco anni 70 che hanno nelle inquadrature il vero cuore dell’innovazione registica. Questo porta Massimiliano Bruno a un livello superiore rispetto ai suoi precedenti film creando un prodotto di sicuro apprezzamento per il pubblico.

Scritto da Gregorio

NEWS CATEGORIA
Game of Thrones 8: anteprima e trailer
Game of Thrones 8: anteprima e trailer
(Roma)
-

L’inverno è ufficialmente arrivato: il primo episodio dell’ultima stagionede Il Trono di Spade 8 è andato in onda questa notte in contemporanea con gli Stati Uniti e ha dato il via all’ottava e ultima stagione delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco.
L’inverno è ufficialmente arrivato: il primo episodio dell’ultima stagionede Il...

Avengers Endgame: recensione
Avengers Endgame: recensione
(Roma)
-

Tutto avverrà in 49 sale sparse per l'Italia, segnalate sul sito degli UCI Cinemas, e al costo di un solo biglietto di ingresso.
Su Avengers: Endgame qualunque persona attenta al mercato cinematografico e agli...

Escape Room al cinema: recensione e video
Escape Room al cinema: recensione e video
(Roma)
-

Recensione Escape Room - Arriva al cinema Escape Room, film che traspone in forma narrativa le dinamiche della categoria di giochi da cui prende il titolo.
Recensione Escape Room - Arriva al cinema Escape Room, film che traspone in...

Suburra 2: recensione ufficiale
Suburra 2: recensione ufficiale
(Roma)
-

RECENSIONE SUBURRA 2- Il Colosseo, il cuore di Roma: silenzioso e immobile, guarda dall'alto da millenni la città, culla di un impero decaduto, che ormai vive nella bellezza malinconica e trascurata delle sue strade, in cui si respira storia, sudiciume e
RECENSIONE SUBURRA 2- Il Colosseo, il cuore di Roma: silenzioso e immobile,...

Il Commissario Montalbano 14 nuova stagione: anticipazioni
Il Commissario Montalbano 14 nuova stagione: anticipazioni
(Roma)
-

Il Commissario Montalbano 14, confermata la nuova stagione, tutte le anticipazioni
IL COMMISSARIO MONTALBANO 14 ANTICIPAZIONI - Il Commissario Montalbano Il 2019 è...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati