Multe per chi indossa VELO ISLAMICO e CARCERE per chi lo costringe

(Bologna)ore 14:26:00 del 04/10/2018 - Categoria: , Nuove Leggi, Sociale

Multe per chi indossa VELO ISLAMICO e CARCERE per chi lo costringe
Niente velo islamico nei luoghi pubblici: multe per le donne che lo indossano e carcere per chi le costringe

Attualmente al vaglio della commissione Affari Costituzionali della Camera, la proposta di legge dell’onorevole leghista Nicola Molteni ricalca il modello francese e prevede multe da 1000 a 2000 euro per chi indossa niqab e burqa in luoghi pubblici nonché il carcere per chi costringe una donna con violenza, minaccia o abuso di autorità a indossare il velo islamico.

In caso di condanna definitiva per costrizione all’occultamento del volto, l’individuo perde il diritto ad acquisire la cittadinanza italiana.

La Lega ci riprova e deposita un disegno di legge che prevede multe per le donne che indossano burqa o niqab, nonché il carcere per chi le constringe a farlo.

All’inizio della legislatura, il deputato leghista Nicola Molteni – attualmente sottosegretario agli Interni, conosciuto per essere il “padrino” della riforma della legge sulla legittima difesa – ha (ri)presentato in Parlamento una proposta di legge che mira a vietare l’uso del velo islamico nei luoghi pubblici.

Attualmente al vaglio della commissione Affari Costituzionali della Camera, la proposta di legge dell’onorevole Molteni è composta da tre articoli totali e ricalca l’attuale modello francese.

“La presente proposta di legge mira, invece, a introdurre nel nostro ordinamento giuridico un divieto esplicito a indossare in luogo pubblico o aperto al pubblico indumenti atti a celare il volto, non soltanto per motivi di ordine pubblico e sicurezza, ma anche come nel caso del burqa e del niqab, in quanto considerati atteggiamenti inconciliabili con i princìpi fondamentali della Costituzione, primo fra tutti il rispetto della dignità della donna”, spiega Molteni nella relazione allegata.

L’articolo 1 della proposta di legge mira a modificare “l’articolo 5 della legge 22 maggio 1975, n. 152” inserendo dopo il secondo comma “nei casi di cui al primo comma, limitatamente all’uso di indumenti o accessori di qualsiasi tipo, compresi quelli di origine etnica e culturale, quali il burqa e il niqab, se il fatto è di lieve entità e non risulta commesso in occasione di manifestazioni che si svolgono in luogo pubblico o aperto al pubblico, si applica la pena dell’ammenda da 1.000 a 2.000 euro”.

L’articolo 2 della proposta di legge, invece, mira a introdurre una nuova fattispecie di reato nel codice penale e il carcere per chi costringe una donna ad indossare il velo islamico: “Art. 612-ter (Costrizione all’occultamento del volto). – Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da uno a due anni e con la multa da euro 10.000 a euro 30.000, chiunque costringa taluno all’occultamento del volto con violenza, minaccia o abuso di autorità ovvero in modo da cagionargli un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare nella persona un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto. La pena è aumentata della metà se il fatto è commesso a danno di minore o di una donna o di persona disabile di cui all’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104”.

Infine, l’articolo 3 recita: “Art. 23-bis. – 1. Preclude l’acquisto della cittadinanza la condanna in via definitiva per il reato di cui all’articolo 612-ter del codice penale”. In sostanza, un individuo condannato in via definitiva per “Costrizione all’occultamento del volto” non potrà più acquisire la cittadinanza italiana.

Da: QUI

Scritto da Gregorio

NEWS CATEGORIA
La castrazione chimica? Inutile e sbagliata!
La castrazione chimica? Inutile e sbagliata!
(Bologna)
-

Dopo la notizia dell’arresto dello stupratore di una barista a Piacenza, il tweet del Ministro degli Interni, Matteo Salvini, ha riaperto la discussione sulla castrazione chimica.
Dopo la notizia dell’arresto dello stupratore di una barista a Piacenza, il...

Copyright, UE delibera senza discussione: cosa cambia
Copyright, UE delibera senza discussione: cosa cambia
(Bologna)
-

Via libera definitivo alla riforma del copyright europeo
COPYRIGHT OR WRONG, IL CONSIGLIO EUROPEO DELIBERA (SENZA DISCUSSIONE) - L'ITALIA...

TASER: a giugno le forze dell'ordine avranno la pistola elettrica
TASER: a giugno le forze dell'ordine avranno la pistola elettrica
(Bologna)
-

La notizia annunciata in anteprima dal Ministro dell’Interno durante una convention della Lega
Dopo alcuni mesi di sperimentazione in diverse città italiane, dal Viminale è...

Testimoni Di Geova SPA: conti segreti e SOLDI dietro la FEDE
Testimoni Di Geova SPA: conti segreti e SOLDI dietro la FEDE
(Bologna)
-

Può un “ente religioso, di istruzione, assistenza e beneficenza” investire in un fondo che ha sede in un paradiso fiscale?
Cosa hanno in comune la Watch Tower Bible and Tract Society of Pennsylvania,...

Italia: RECORD europeo di SCUOLE CHIUSE PER VACANZE.
Italia: RECORD europeo di SCUOLE CHIUSE PER VACANZE.
(Bologna)
-

Voi cosa ne pensate? Preferireste vacanze (anche quelle natalizie) più corte, ma suddivise su più periodi dell’anno?
In effetti, la durata delle vacanze è un problema molto serio, su cui politici e...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati