Mafia, arrestato Settimino Mineo: era l'erede di Toto Riina

(Palermo)ore 08:23:00 del 07/12/2018 - Categoria: , Cronaca, Denunce

Mafia, arrestato Settimino Mineo: era l'erede di Toto Riina
Già condannato a 5 anni al maxi processo istruito da Giovanni Falcone, fu riarrestato 12 anni fa per poi tornare in libertà dopo una condanna a 11 anni.

Da questa mattina è in atto un vero e proprio terremoto che distrugge i vertici della principale organizzazione criminale siciliana, Cosa nostra: 46 arresti, in manette il nuovo capo dei capi, quello che è stato definito l'erede di Totò Riina: si tratta di Settimino Mineo, 80 anni, ufficialmente gioielliere, già capo del mandamento di Pagliarelli. 

Già condannato a 5 anni al maxi processo istruito da Giovanni Falcone, fu riarrestato 12 anni fa per poi tornare in libertà dopo una condanna a 11 anni. Lui e le altre persone fermate devono rispondere a vario titolo anche di estorsioni consumate e tentate, con l’aggravante di avere favorito Cosa nostra, fittizia intestazione di beni aggravata, porto abusivo di armi comuni da sparo, danneggiamento a mezzo incendio, concorso esterno in associazione mafiosa.  A rivelarlo è un'inchiesta della Dda palermitana.
“In particolare – dicono dal comando provinciale – le indagini hanno consentito di: cogliere in presa diretta la fase di riorganizzazione in atto all’interno di Cosa nostra;  documentare l’avvenuta ricostituzione della “nuova” commissione provinciale di Palermo;  trarre in arresto il “nuovo capo” della commissione provinciale, Settimo Mineo, capo del mandamento di Pagliarelli". Finora sono stati ricostruiti gli organigrammi di Pagliarelli, Porta Nuova, Villabate e Misilmeri, ma nelle intercettazioni ci sono ampi riferimenti a chi comanda in altre zone di città e provincia.


80 anni e una lunga militanza in Cosa nostra avevano fatto di Mineo il nuovo capo mafioso. Di lui per la prima volta avevano parlato negli anni Ottante i pentiti Leonardo Vitale, Tommaso Buscetta e Salvatore Contorno. Accusato dal giudice Giovanni Falcone, disse: "Non so di che parla, sono solo un commerciante di articoli da regalo e gioielli, cado dalle nuvole". Come riportato su Live Sicilia, Mineo era un grande nemico di Stefano Bontade, il ‘falco’ di Villagrazia, ed era scampato all'agguato che costò al vita ai fratelli. Nel 2006, il boss finì in carcere assieme al suo padrino, Nino Rotolo, nei giorni dell’operazione Gotha che iniziò ad avvicinare gli inquirenti a Bernardo Provenzano. Mineo era l'uomo degli affari, del controllo degli appalti illeciti e dei contatti con la mafia americana. E in America Mineo era pronto a tornare: gli era stato pure rilasciato il passaporto. Il viaggio, bloccato da un problema di visto, è uno dei presupposti del fermo eseguito oggi.

Da: QUI

Scritto da Samuele

NEWS CATEGORIA
Massima allerta terrorismo Roma: caccia aperta nella Capitale
Massima allerta terrorismo Roma: caccia aperta nella Capitale
(Palermo)
-

Massima allerta terrorismo, caccia a un ragazzo siriano a Roma
ALLERTA TERRORISMO A ROMA - «Domani sarò in Paradiso». È allarme terrorismo a...

Italia, 647 opere pubbliche incompiute: ecco quanto ci costano
Italia, 647 opere pubbliche incompiute: ecco quanto ci costano
(Palermo)
-

647 OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE IN ITALIA - L’elenco, compilato dalle Regioni, dalle Provincie autonome e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti si riferisce alle opere incompiute al 31 dicembre 2017.
647 OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE IN ITALIA - L’elenco, compilato dalle Regioni,...

1 giovane su 2 senza lavoro al Sud: chi si interessa di loro?
1 giovane su 2 senza lavoro al Sud: chi si interessa di loro?
(Palermo)
-

1 GIOVANE SU 2 SENZA LAVORO AL SUD - Il primo capitolo di preoccupazione riguarda il mondo del lavoro e i giovani.
1 GIOVANE SU 2 SENZA LAVORO AL SUD - Il primo capitolo di preoccupazione...


(Palermo)
-


ADDIO AD ANDREA CAMILLERI - E' morto Andrea Camilleri. "Se potessi, vorrei...

Sos Presidi: scuole senza soldi, classi senza banchi e sedie e soffitti che crollano!
Sos Presidi: scuole senza soldi, classi senza banchi e sedie e soffitti che crollano!
(Palermo)
-

SOS PRESIDI ALLARME SCUOLA - «Diverse scuole superiori di Roma e provincia inizieranno l’anno scolastico con classi sprovviste di banchi e sedie»: a lanciare l’allarme è il presidente dell’associazione nazionale presidi (Anp) del Lazio, Mario Rusconi.
SOS PRESIDI ALLARME SCUOLA - «Diverse scuole superiori di Roma e provincia...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati