L'OZIO salvera' il mondo. Come godere del DOLCE FAR NIENTE

(Bologna)ore 14:10:00 del 14/12/2017 - Categoria: , Denunce, Lavoro

L'OZIO salvera' il mondo. Come godere del DOLCE FAR NIENTE
“L’idea che il povero possa oziare ha sempre urtato i ricchi”

Oziare non solo è bello, ma colora la vita dell’individuo, la riempie di poesia, di amore e di creatività. Starsene fermi, godendo del dolce far niente, mette di buon umore e scaccia i brutti pensieri dalla testa.

La nostra è una società che ha estremo bisogno di riposare perché è diventata così tanto laboriosa da esserne diventata totalmente stupida. Basti pensare alla fatidica domanda che ci fanno e facciamo sempre: “Cosa fai nella vita?”.

Tutti rispondono parlando del lavoro che svolgono, mai nessuno che risponda semplicemente: “Vivo” .

Questo fatto di identificare la propria vita con il lavoroche si svolge, la dice lunga sul senso della vita moderna, e poi tutti questi stupri, queste sparatorie, questi omicidi tra le mura domestiche, sono il risultato di una civiltà che ha toccato da troppo tempo il fondo e non ne vuole sapere di darsi la spinta per risalire verso valori più elevati. 

Non vedo motivo di essere violento quando possiedi una casa, del buon cibo, un letto, un rapporto affettivo, tanti amici e una natura incontaminata su cui rifugiarti quando senti il bisogno di star solo. 
La casa, per esempio, dovrebbe spettare di diritto all’essere umano e non essere una fonte continua di spese. 

Che senso ha pagare una tassa sul possesso della casa, quando hai già speso una fortuna per acquistarla? 

Quando di rado poi accendo il televisore, le notizie sono sempre le stesse: 
“Rossi ha ucciso Gialli con quarantacinque coltellate sulla schiena, lasciandolo poi a terra in una grande pozza di sangue.” 

(notare come i media ci tengano a precisare sempre i minimi particolari del delitto).

A quel punto io penso sempre: “Non mi stupisco se questi fatti accadono, mi stupirei invece se questi fatti non accadessero più, perché in una società così lontana dalla vita, dalla pace, dal rispetto verso il prossimo, dall’uguaglianza e dal buon senso, tutto questo è dannatamente normale.” 

Per questo predico tanto l’ozio, non c’è altra soluzione ai mali che affliggono l’umanità che una sana cura di buon riposo per il corpo, la mente e lo spirito, è giunta l’ora di rovesciare questo insensato culto della fatica e di sostituirlo con il culto del buon riposo.

Sia ben chiaro, riposare non significa non far nulla dalla mattina alla sera, ma fare il giusto, nulla di più, nulla di meno.

Da: QUI

Scritto da Gregorio

NEWS CATEGORIA
Meta' dei dipendenti al Sud guadagna meno del reddito di cittadinanza
Meta' dei dipendenti al Sud guadagna meno del reddito di cittadinanza
(Bologna)
-

Si chiama “effetto spiazzamento” ed è quello che potrebbe avvertire quasi metà (il 45% per l’esattezza) dei lavoratori dipendenti privati del Sud che - conti alla mano - guadagnano meno dei futuri percettori del reddito di cittadinanza da 780 euro
Si chiama “effetto spiazzamento” ed è quello che potrebbe avvertire quasi metà...

Renzi, nessuna autocritica: il personaggio diventato SCHIAVO di se stesso
Renzi, nessuna autocritica: il personaggio diventato SCHIAVO di se stesso
(Bologna)
-

Nessuna autocritica, toni grillini col governo, pubblico è una curva. L'Altra strada è l'eterna riproposizione di sé come progetto politico
Anche la presentazione del libro diventa uno spettacolo populista, che affoga la...

UE in crisi, resto del mondo in RIPRESA: MA NON VE LO DICONO
UE in crisi, resto del mondo in RIPRESA: MA NON VE LO DICONO
(Bologna)
-

I veri dati dell'economia sono clamorosi e confermano quello che è successo negli ultimi venti anni nel mondo (di positivo) e nella Unione Europea (di negativo)
Andiamo sempre peggio, si sente dire al Bar del pensiero luogocomunista. Si...

I 4 miliardi di tagli alla scuola nascosti dal governo
I 4 miliardi di tagli alla scuola nascosti dal governo
(Bologna)
-

L’istruzione sembra diventata il bancomat dei governi, da cui prelevare risorse ogni volta che ce n’è bisogno
L’istruzione sembra diventata il bancomat dei governi, da cui prelevare risorse...

Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?
Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?
(Bologna)
-

Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni imprudenti, a caccia di “shale oil” nel sottosuolo?
Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati