Le BEVANDE ZERO? Provocano la SINDROME METABOLICA! VIDEO

(Bari)ore 17:37:00 del 14/12/2017 - Categoria: , Denunce, Salute

Le BEVANDE ZERO? Provocano la SINDROME METABOLICA! VIDEO
Ecco di seguito la trascrizione di una parte dell’ intervento del Dott. Franco Berrino riguardo le bevande zero

Le bevande zero provocano la sindrome metabolica

A detta del Dott. Franco Berrino, le bevande zero, oltre al diabete fanno venire la sindrome metabolica.

Il dottore, nel corso della conferenza ha anche spiegato dettagliatamente cos’è la sindrome metabolica, le cause e gli effetti indesiderati che essa provoca al nostro organismo: Ecco le sue parole:

“Volevo parlarvi un po’ della sindrome metabolica.

Il 30% degli adulti, in Italia, hanno la sindrome metabolica. Un po’ più nel sud un po’ meno nel nord.

È quella condizione di chi ha la pancia. Di chi ha il colesterolo buono basso, i trigliceridi un po’ alti, la pressione un po’ alta, la glicemia un po’ alta.

Se ci sono tre di questi fattori ci dice che una persona ha la sindrome metabolica. Sembra grossolana, però è molto indicativa. È questa sindrome metabolica, vedete, abbiamo mandato il David negli Stati Uniti per un mese, guardate come ce l’hanno restituito!

Il termine è stato inventato dai diabetologi negli anni ’70, lo chiamavano “il quartetto mortale”. Adiposità addominale.

Gli uomini tendono a mettere molto prima delle donne la pancia. Io quando avevo 30 anni avevo la camicia che mi tirava, sai quando ti tirano e si vede la pelle tra due bottoni e la mia sposa mi ha detto che o mettevo giù la pancia oppure era finita allora mi sono impegnato.

Sapevano i diabetologi che in queste condizioni si ammala di più di diabete, si ammala di infarto, ma negli ultimi 10-15 anni si è scoperto che si ammalano di più di cancro del fegato, del colon, della mammella, della prostata, si ammalano di più delle patologie degli occhi, delle retinopatie, del glaucoma, della cataratta.

A parità di sigarette fumate, chi ha la sindrome metabolica, si ammala di più di bronchite cronica, si ammala di più di Alzheimer, di psoriasi, di artrite, di calcoli al fegato, di cirrosi epatica anche se non si beve.

Qui ci sono i nostri studi sul cancro alla mammella, vedete, è un piccolo studio, sono 11mila donne della provincia di Varese che seguiamo ormai da più di 30 anni e un unica misurazione, un unico prelievo nel corso della vita, vedete, chi aveva la sindrome metabolica ha un rischio più che doppio di ammalarsi di cancro della mammella.

Questo è uno studio più recente, le donne che hanno il cancro della mammella e hanno la sindrome metabolica hanno un rischio più che doppio di sviluppare delle metastasi del cancro della mammella. Uno dei fattori della sindrome metabolica per il cancro della mammella è la glicemia.

Il 25% delle donne che hanno la glicemia più alta, all’interno dei valori normali, hanno un rischio doppio di ammalarsi rispetto alle donne che hanno la glicemia più bassa.

Le donne che hanno il cancro della mammella che hanno la glicemia più alta hanno un rischio molto più alto di ammalarsi rispetto a quelle che hanno la glicemia più bassa.

Lo stesso vale per il cancro dell’intestino, lo stesso vale per tante patologie.

Ma da cosa dipende la sindrome metabolica? 

Cioè ci sono tantissimi studi, dipende dal fatto che mangiamo troppi grassi animali, mangiamo troppi grassi idrogenati, le margarine ; che mangiamo cibi che fanno alzare tanto la glicemia, i cibi raffinati dell’industria, che beviamo troppo alcol, che mangiamo troppa carne, che mangiamo troppo sale, che beviamo le bevande zuccherate, che beviamo le bevande zero.”

Di seguito vi mostriamo la parte dell’ intervento del dott. Berrino riguardante la sindrome metabolica. Buona visione

[video]

Da: QUI

Scritto da Gerardo

NEWS CATEGORIA
Dieta: come rimediare agli sgarri?
Dieta: come rimediare agli sgarri?
(Bari)
-

Capita a tutti, a chi più e a chi meno, di sgarrare a tavola. Se poi si sta seguendo una dieta o si sta cercando di perdere qualche chilo di troppo, i sensi di colpa dopo i cedimenti alimentari sono deleteri: rischiano di far riprendere peso facilmente pe
si sta cercando di perdere qualche chilo di troppo, i sensi di colpa dopo i...

Fibromialgia: il dolore che non vediamo e non capiamo
Fibromialgia: il dolore che non vediamo e non capiamo
(Bari)
-

La fibromialgia è stata riconosciuta come malattia dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nel 1992. Attualmente la fibromialgia colpisce il 4% della popolazione, di cui il 90% sono donne.
La fibromialgia è stata riconosciuta come malattia dall’Organizzazione...

Non importa chi vince: programma di Governo (TROIKA) gia' scritto e deciso
Non importa chi vince: programma di Governo (TROIKA) gia' scritto e deciso
(Bari)
-

In sostanza Gentiloni afferma che non importa chi vince, il programma di governo è già deciso, e probabilmente è quello scelto dalla Merkel/Troika (cosiddetta Europa per i radical chic/ignoranti/chissenefregatantomimantenetevoi).
In sostanza Gentiloni afferma che non importa chi vince, il programma di governo...

Mettetevelo in testa: non vi ribellate? ALLORA NON AVETE DIRITTO DI LAMENTARVI!
Mettetevelo in testa: non vi ribellate? ALLORA NON AVETE DIRITTO DI LAMENTARVI!
(Bari)
-

In una democrazia, anche se “presunta”, è il popolo che si costruisce il suo destino semplicemente usando una matita alle urne.
In una democrazia, anche se “presunta”, è il popolo che si costruisce il suo...

La Mafia e' stata ESERCITO DELLA CIA. ECCO LE PROVE SHOCK
La Mafia e' stata ESERCITO DELLA CIA. ECCO LE PROVE SHOCK
(Bari)
-

Si arriva alle stragi del 92, due magistrati siciliani stavano arrivando alle alte sfere del connubio stato mafia, l’esplosivo utilizzato in ambedue le stragi era di tipo militare e di produzione americana o inglese; un’altra incredibile coincidenza.
Nel 1942 la guerra pendeva dalla parte dei nazifascisti, il presidente degli...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati