La prova di Nvidia GeForce RTX 2060 Founder's Edition

(Torino)ore 14:47:00 del 25/01/2019 - Categoria: , Tecnologia, Videogames

La prova di Nvidia GeForce RTX 2060 Founder's Edition
Sappiamo che il titolo Square Enix è capriccioso, al contrario di Shadow of the Tomb Raider che guadagna a tutte le risoluzioni pur risultando il più pesante del gruppo.

 

RTX è la più grande scommessa di NVIDIA da qualche anno a questa parte. Ne abbiamo già trattato a lungo in occasione dell’annuncio e poi del lancio del trittico d’attacco RTX 2080ti, 2080 e 2070, dove l’introduzione di nuove tecnologie grafiche ha fatto alzare i prezzi garantendo sul piano degli FPS un margine di miglioramento limitato, soprattutto se calcolato con i precedenti metodi di analisi. Discorso ben diverso accade quando si sfrutta a pieno il potenziale della scheda attivando DLSS e Ray-Tracing (nei titoli che lo supportano) che così, beneficiando della nuova architettura dedicata, può mettere in mostra la potenza bruta calcolata in RTX-OPS.

Dopo che la fascia di prodotti più performanti ha fatto così il suo ingresso sulla scena, è ora di approfondire la conoscenza della neo-arrivata RTX 2060, che si è fatta presentare come il primo anello di congiunzione tra le nuove tecnologie e il portafoglio dei giocatori. Non stiamo parlando di un diretto sostituto della GTX 1060, perché già a partire dal prezzo (375€)capiamo che è in atto una ridistribuzione delle sigle che ne definiscono il posizionamento di mercato, giustificata dalla nuova filosofia NVIDIA che porta in dote DLSS e Ray Tracing, sostenuti da un chip Turing con rispettivamente 240 Tensor Core e 30RT Core.

Ma torniamo a noi e vediamo in dettaglio tramite le specifiche tecniche le prime caratteristiche di questa RTX 2060 Founder’s Edition:

  • 1920 NVIDIA CUDA® Cores

  • 37T RTX-OPS

  • 5 Giga Rays/s

  • 1680 Boost Clock (MHz)

  • 1365Clock di base (MHz)

  • 14 Gbps Velocità della memoria

  • 6 GB GDDR6

  • 192-bit Ampiezza dell’interfaccia di memoria

  • 336 GB/s Banda di memoria (GB/s)

  • DisplayPort, HDMI, USB Type-C™, DVI-DLConnettori display standard

  • 435” (112.6mm)Altezza

  • 0” (228.60mm)Lunghezza

  • 2-SlotLarghezza

  • Specifiche termiche e di alimentazione:

  • 88Temperatura massima della (in C)

  • 160WPotenza della scheda grafica (W) Alimentazione a 8 pin

In idle la GIGABYTE GeForce RTX 2060 Gaming OC Pro mantiene una temperatura di circa 27 gradi e non supera i 36 gradi durante le normali operazioni desktop, con le ventole che restano ferme. Sotto sforzo, invece, i gradi diventano 64, mentre la tecnologia Scanner spinge la scheda a 1950MHz contro i 1860MHz di picco toccati dalla reference. In questo caso, ovviamente, le ventole si muovono, ma restano silenziose, salvo qualche piccola accelerazione qua e la. Non male per una scheda che, supportata da un Ryzen 2700X e da 16GB di memoria a 3200MHz, tira fuori 7852 punti alla voce grafica del test 3DMark Time Spy , piazzandosi così a circa 10.5 punti percentuali dalla RTX 2070 FE e superando nettamente la RTX 2060 FE. Ed è un vantaggio che si traduce in gioco, benché i margini di miglioramento in gioco non siano esaltanti. Parliamo infatti di uno o due frame per tutti i giochi da noi provati, ovviamente con il preset grafico più elevato, a partire da The Witcher 3: Wild Hunt che arriva a 93fps in 1080p, 65fps in 1440p e 37fps in 4K. Lo stesso rilevato con Deus Ex: Mankind Divided, almeno in 1080p con 112fps e 1440p con 76fps visto che in Ultra HD la conta dei frame resta inchiodata agli stessi 38 della Founders Edition.

Ma sappiamo che il titolo Square Enix è capriccioso, al contrario di Shadow of the Tomb Raider che guadagna a tutte le risoluzioni pur risultando il più pesante del gruppo. Si ferma infatti a 87fps in 1080p, 56fps in 1440p e 30fps in 4K, guadagnando però tre frame rispetto alla RTX 2060 Founders. E sono due in più rispetto a Forza Horizon 4 che ne guadagna uno solo, anche se con 52fps è l'unico che risulta pienamente giocabile a tutte le risoluzioni, toccando i 76fps in 1440p e i 96fps in 1080. Ma questo non vuol dire che non sia possibile ottenere qualcosa con l'overclock manuale, spingendo di 1000MHz la memoria e di ulteriori 100MHz il core che, lasciando comunque spazio di manovra al software, è arrivato a 2055MHz. Il tutto riscontrando un incremento moderato nella rumorosità delle ventole che si sono dimostrate capaci di tenere la temperatura a 65 gradi sotto sforzo. Non male, anche se quello che ci interessa sono le prestazioni. Ed eccoci arrivare a ben 8286 punti nel test grafico di 3DMark Time Spy, per una scheda capace di arrivare a 5 punti percentuali dalla RTX 2070 di NVIDIA. A parità di clock e driver la forbice tra le due schede è destinata a risultare più ampia, ma parliamo comunque di un rapporto tra prezzo e prestazioni imparagonabile, ovviamente in favore di una RTX 2060 che in 4K riesce a far girare, grazie alla spinta, The Witcher 3: Wild Hunt a 40fps, Deus Ex: Mankind Divided a 40fps, Shadow of the Tomb Raider a 32fps e Forza Horizon a 57fps, avvicinando di un soffio la soglia dei 60fps.

 

Scritto da Gregorio

NEWS CATEGORIA

(Torino)
-


La presenza di vita nell'Universo è un dilemma che continua a tormentare gli...

Anno 1800: cosa conoscere
Anno 1800: cosa conoscere
(Torino)
-

Anno 1800 condensa queste tensioni e le inserisce all’interno di schemi ben rodati, dove a farla da padrone sono le classiche catene di produzione, che partono da materiali grezzi e arrivano alla creazione di beni finiti indispensabili per sostenere la po
  L’esplorazione di mondi futuri non ha portato benissimo ad Anno e a Blue...

Fortnite, patch 8.40: cosa sapere
Fortnite, patch 8.40: cosa sapere
(Torino)
-

È arrivata finalmente la patch 8.40 di Fortnite che, come ogni volta, introduce novità e sorprese speciali per tutti gli utenti.
È arrivata finalmente la patch 8.40 di Fortnite che, come ogni volta, introduce...

Heavens Vault: provato
Heavens Vault: provato
(Torino)
-

Non è certo la prima volta che si sperimenta un accostamento del genere, eppure vedere queste immagini bidimensionali muoversi all'interno di scenari poligonali, scomparendo e riapparendo a ogni passo, lascia all'inizio spiazzati, complice il fatto che i
  Quando lo studio inkle pubblica un nuovo gioco, è bene stare attenti: di...

The Princess Guide: cosa conoscere
The Princess Guide: cosa conoscere
(Torino)
-

Alcuni lati del carattere di quest’ultima sembrano collimare con quello di Monomaria, discendente della nobile (ma decaduta) casata di Yudaria, passata dal lusso più sfrenato alla necessità di accettare incarichi da mercenari per potersi assicurare la sus
  Son tutti bravi ad impugnare una spada o un’enorme ascia bipenne, trincerarsi...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati