La dura vita dei cani di Chernobyl. Fame, sete e radioattivita'

(Firenze)ore 08:31:00 del 30/06/2018 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Esteri

La dura vita dei cani di Chernobyl. Fame, sete e radioattivita'
Anche se il governo ha cercato di uccidere tutti i cani di Chernobyl in quanto contaminati, alcuni sono sopravvissuti e vivono con problemi di fame, sete e radioattività.

Anche se il governo ha cercato di uccidere tutti i cani di Chernobyl in quanto contaminati, alcuni sono sopravvissuti e vivono con problemi di fame, sete e radioattività.

Senza dubbio quella di Chernobyl è stata la più grande catastrofe ambientale della storia recente.
L’esplosione del reattore nucleare della centrale elettrica russa è stata, senza dubbio, una tragedia talmente grande i cui effetti negativi continuano ancora oggi.

Molti pensano che l’area intorno alla zona sia, a causa delle radiazioni, un luogo abbandonato senza alcun movimento, la verità è che è piena di vita.
Ogni giorno ci sono 3500 persone che lavorano nelle vicinanze, per non parlare di tutti gli animali che hanno fatto delle case abbandonate della città, le loro case, il loro habitat.

Ci sono molte specie di animali nell’area rossa di Chernobyl, molti di questi, erbivori, vi si sono insediati in quanto nella zona, nonostante le radiazioni, vi è una vegetazione abbondante.

Ad esempio, il visitatore potrebbe imbattersi in specie come lupi, lepri, linci, alci, cavalli e persino orsi bielorussi. Ma se c’è un tipo di animale iconico nell’area che circonda la vecchia centrale nucleare, è il cane randagio.

La storia dei cani randagi di Chernobyl

Ed è proprio la storia dei cani randagi di Chernobyl quella più triste.
Dopo l’esplosione del 1986, le famiglie che vivevano nelle vicinanze furono evacuate e i cani che vivevano con loro furono lasciati sul posto su ordine delle autorità.

Le autorità del tempo avevano il timore che questi cani fossero pericolosi per la salute a causa delle radiazioni a cui erano stati esposti. Pertanto, costrinsero gli abitanti di Chernobyl ad abbandonare i loro animali domestici, e inviarono diverse squadre di soldati in città per sterminarli tutti in nome della sicurezza dei cittadini.

Tuttavia, il governo non riuscì ad uccidere tutti i cani, e i discendenti di coloro che rimasero vivi ora abitano le rovine che circondano la vecchia centrale nucleare.

Questi cani oltrepassano spesso il confine della zona contaminata avvicinandosi alle persone che abitano dei dintorni. Alcune di queste pensano che i cani siano contaminati, quindi cercano di evitarli a tutti i costi. Altre invece non hanno paura  e hanno deciso addirittura di prendersi cura di loro adottandoli come propri animali domestici.

I cani che non vengono adottati invece vivono in condizioni molto difficili, principalmente a causa della mancanza di cibo e acqua (che scarseggiano principalmente perchè vengono evitati dagli esseri umani) e degli attacchi dei lupi selvaggi. Inoltre, la radiazione proveniente dall’area li fa morire molto giovani. L’età massima di ogni cane è di 5 anni.

Fortunatamente però per questi cani sempre più persone hanno il coraggio di avvicinarsi a loro per aiutarli a sopravvivere nonostante il pericolo che possono rappresentare.

Inoltre l’ONG Clean Futures Fund ha iniziato a lavorare per salvare i circa 250 cani che ad oggi vivono nella zona contaminata vicino alla centrale, oltre a quelli che si trovano nell’ area circostante.
Di seguito vi mostriamo un video del loro lavoro. Buona visione.

GUARDA IL VIDEO

Da: Jeda

Scritto da Gregorio

NEWS CATEGORIA
Croce Rossa: Che fine fa la valanga di denaro che ogni anno sommerge l'organizzazione?
Croce Rossa: Che fine fa la valanga di denaro che ogni anno sommerge l'organizzazione?
(Firenze)
-

Incredibile. C’è un’emergenza umanitaria in corso e nessuno ne parla. Una crisi grande come il campo profughi di Daadab in Kenia, (la più grande tendopoli-dormitorio del mondo) e nessuno dice niente.
Incredibile. C’è un’emergenza umanitaria in corso e nessuno ne parla. Una crisi...

Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
(Firenze)
-

Stop ai corsi di italiano e alla formazione professionale. Non solo: via gli psicologi, ridotta al minimo la presenza di assistenti sociali, operatori culturali, medici e infermieri
Ogni ospite vedrà il medico per massimo 4 ore l’anno. L’infermiere, invece, non...

Come sei stato COMPRATO con il MATERIALISMO
Come sei stato COMPRATO con il MATERIALISMO
(Firenze)
-

Sei stato ingannato se pensi che lavorare 40 ore a settimana nella ruota del criceto umano dove stai vivendo, sia vita, mentre l’1 % possiede il 99 % dei soldi, i tuoi ovviamente.
Sei stato ingannato se pensi che lavorare 40 ore a settimana nella ruota del...

Che fine ha fatto la legge sulle CHIUSURE DOMENICALI promessa entro fine anno?
Che fine ha fatto la legge sulle CHIUSURE DOMENICALI promessa entro fine anno?
(Firenze)
-

Qualche mese fa, il ministro Luigi Di Maio decise di intervenire sulla polemica relativa alle aperture domenicali e festive indiscriminate di negozi e centri commerciali promettendo che il governo si sarebbe occupato della questione e avrebbe lavorato per
Qualche mese fa, il ministro Luigi Di Maio decise di intervenire sulla polemica...

Unicef: ogni 3 euro che doni, 2 vanno a una societa' privata!
Unicef: ogni 3 euro che doni, 2 vanno a una societa' privata!
(Firenze)
-

Unicef: se doni 3 euro, 2 vanno a una società privata. Ma per il fondo per l’infanzia va bene così L’affare Play Therapy Africa – Scoperta dei pm di Firenze nell’inchiesta sui Conticini. Ma il Fondo per l’infanzia ha deciso che va bene così
Su dieci milioni di donazioni versate ad associazioni umanitarie per aiutare i...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati