Italia entra in recessione tecnica: tutti i numeri di un DISASTRO ECONOMICO

(Milano)ore 20:33:00 del 04/02/2019 - Categoria: , Denunce, Economia

Italia entra in recessione tecnica: tutti i numeri di un DISASTRO ECONOMICO
Frenano industria e agricoltura. Nell'intero 2018 la crescita, corretta per gli effetti di calendario, è stata dello 0,8%

Mercoledì il premier Giuseppe Conte aveva anticipato che “se lo aspettava”. Oggi l’Istat ha confermato l’anticipazione e le previsioni della Banca d’Italia: nel quarto trimestre 2018, in base alle stime preliminari, il pil italiano è calato. La contrazione è stata dello 0,2% rispetto al periodo precedente. Si tratta del secondo trimestre in negativo dopo il -0,1% del periodo luglio-settembre. L’Italia è quindi tornata tecnicamente in recessione registrando il peggiore risultato da cinque anni a questa parte: per ritrovare un calo simile si deve risalire al quarto trimestre 2013. Il pil dell’Eurozona nel quarto trimestre è invece cresciuto dello 0,2%, come nel terzo.

Nell’intero 2018 il pil italiano corretto per gli effetti di calendario è aumentato dello 0,8%. La variazione annua stimata sui dati trimestrali grezzi è invece pari all’1% (nel 2018 vi sono state tre giornate lavorative in più rispetto al 2017). L’Eurozona anno su anno, stando ai dati Eurostat, cresce dell’1,8%. La frenata di fine 2018 “determina un ulteriore abbassamento del tasso di crescita tendenziale del Pil, che scende allo 0,1%, dallo 0,6% del trimestre precedente”, sottolinea l’Istat.

Inevitabile l’impatto sulla crescita attesa per il 2019: la crescita acquisita per l’anno in corso, quella cioè che si realizzerebbe se tutti i trimestri del 2019 registrassero una variazione del Pil pari a zero, scende a -0,2%. La previsione del governo a dicembre è stata rivista al ribasso da +1,5 a +1%. A gennaio Banca d’Italia e Fondo monetario internazionale hanno tagliato le proprie stime sul 2019 portandole a 0,6%.

Indagando le cause della contrazione, l’Istat scrive che la stima, “che ha natura provvisoria, riflette dal lato dell’offerta un netto peggioramento della congiuntura del settore industriale a cui si aggiunge un contributo negativo del settore agricolo, a fronte di un andamento stagnante delle attività terziarie”. La produzione industriale a novembre ha fatto registrare un calo del 2,6% soprattutto per effetto del crollo del 19,4% del settore auto. Dal lato della domanda, c’è un contributo negativo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un apporto positivo della componente estera netta.

Conte ha legato la frenata italiana al rallentamento di Cina e Germania. Berlino ha schivato la recessione archiviando il quarto trimestre in positivo ma stima di aver chiuso l’anno con una crescita calata all’1,5% dal 2,2% dei due anni precedenti e ieri ha quasi dimezzato la previsione di crescita per il 2019 portandola “prudenzialmente” da +1,8 a +1%. Bene invece la Spagna, che nel quarto trimestre ha visto crescere il pil dello 0,7%, più delle attese degli analisti. Su base annua, il Pil è cresciuto di 2,4%.

Da: QUI

Scritto da Gregorio

NEWS CATEGORIA
Scienza conferma: fracking (estrazione PETROLIO) causa i terremoti!
Scienza conferma: fracking (estrazione PETROLIO) causa i terremoti!
(Milano)
-

Insomma, proprio quello che è avvenuto nell’Adriatico prima dei terremoti in Centro Italia!
Il fracking ha causato due terremoti in Cina. A confermarlo è stato un nuovo...

Iva, dal caffe' alla birra: quanto aumentano i prezzi
Iva, dal caffe' alla birra: quanto aumentano i prezzi
(Milano)
-

Ecco una simulazione sui generi alimentari più comuni
Il caffé al bar passa da 90 a 93 centesimi, la pizza Margherita da 6,85 euro a...

Qualita' dell'aria in Italia: le citta' PEGGIORI
Qualita' dell'aria in Italia: le citta' PEGGIORI
(Milano)
-

Dal secondo rapporto di MobilitAria 2019, che ha analizzato la qualità dell’aria di 14 città metropolitane tra cui Milano, Torino, Palermo e Napoli, si è evinto che si sta registrando un miglioramento.
Dal secondo rapporto di MobilitAria 2019, che ha analizzato la qualità...

Psicologo no, ma gli italiani preferiscono spendere 350 MILIONI L'ANNO in ANSIOLITICI
Psicologo no, ma gli italiani preferiscono spendere 350 MILIONI L'ANNO in ANSIOLITICI
(Milano)
-

Gli italiani hanno più paura della psicoterapia che degli psicofarmaci. In un Paese dove ammettere di essere in terapia da uno psicologo o uno psichiatra è ancora considerato un tabù, gli psicofarmaci sono diventati una scorciatoia per combattere i distur
Gli italiani hanno più paura della psicoterapia che degli psicofarmaci. In un...

E319, l'additivo alimentare legale in Italia che INDEBOLISCE IL SISTEMA IMMUNITARIO
E319, l'additivo alimentare legale in Italia che INDEBOLISCE IL SISTEMA IMMUNITARIO
(Milano)
-

L’additivo alimentare E319, il butilidrochinone terziario, minaccia il nostro sistema immunitario e indebolisce l’efficacia del vaccino anti influenzale.
L’additivo alimentare E319, il butilidrochinone terziario, minaccia il nostro...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati