Insegnanti di sostegno: le cattedre vuote sono al Nord

(Verona)ore 16:21:00 del 06/03/2019 - Categoria: , Denunce, Politica

Insegnanti di sostegno: le cattedre vuote sono al Nord
Del totale dei 14.224 posti a bando, solo il 23% dei posti sono destinati al Nord Italia, mentre al Sud andrà il 48% del totale

Nelle parole e negli annunci il tema disabili sembrerebbe centrale nell’azione di governo. Tanto che è stata predisposta una delega ad hoc, affidata al ministro Lorenzo Fontana, per risolvere le tante problematiche che le persone con disabilità si trovano quotidianamente ad affrontare. Una delle questioni più sensibili è senz’altro relativa al vuoto d’organico – che ci portiamo avanti da anni – degli insegnanti di sostegno. Lo scorso mese, il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, in risposta a un question time, ha sottolineato come l’intenzione dell’esecutivo gialloverde sia quella di assumere 40mila nuovi insegnanti di sostegno per colmare il gap. «I nuovi corsi potrebbero partire già nella prossima primavera», ha aggiunto in quell’occasione il ministro. Vedremo se si raggiungerà il numero promesso. Una prima idea, però, la offre il decreto di autorizzazione alle Università per l’attivazione dei corsi di specializzazione sul sostegno, pubblicato il 21 febbraio: saranno disponibili complessivamente 14.224 posti in tutto il territorio nazionale.

C’è da dire che un passo in avanti è stato fatto se si pensa che col precedente bando (2016), il numero dei posti previsti era 9.649. Tuttavia, come denuncia a Linkiesta Ernesto Ciraci, presidente del MiSoS (Movimento Insegnanti di Sostegno Specializzati), analizzando la distribuzione regionale dei posti messi a bando, ci si accorge di un dato rilevante: «Il numero maggiore di corsi di specializzazione saranno attivati dalle Università del Centro e del Sud, mentre al Nord ne saranno attivati in numero inferiore».

Un particolare non di poco conto se si pensa che, su circa 60mila cattedre di supplenza, quasi la metà sono al Nord. Il quadro che emerge è paradossale: «È una questione di domanda e offerta – spiega ancora Ciraci – . Al Nord abbiamo tante cattedre di sostegno e pochi insegnanti specializzati, dunque sarebbe servito un numero elevato nelle regioni settentrionali. E invece il maggior numero dei posti banditi lo ritroviamo al Sud, dove già abbiamo una marea di insegnanti specializzati precari».

Il risultato sarà drammatico: cattedre senza specializzati al Nord e una marea di specializzati senza cattedra e lavoro al Sud

Eppure sempre a gennaio era stato lo stesso Bussetti a dichiarare: «Saranno attivati nuovi corsi per il sostegno presso le varie università, nelle regioni dove c’è più bisogno». Un impegno, a quanto pare, dimenticato. «È risaputo – spiega Ciraci – come la richiesta di docenti sia maggiore al Nord che al Sud; in regioni come l’Emilia Romagna e il Piemonte, la disponibilità di personale è inversamente proporzionale al fabbisogno, e le segreterie scolastiche fanno fatica a reclutare docenti specializzati sul sostegno». I numeri parlano per tutti: del totale dei 14.224 posti a bando, fa notare il MiSoS, solo il 23% dei posti sono destinati al Nord Italia, mentre al Sud andrà il 48% del totale (6.558). L’Emilia Romagna, ad esempio, quest’anno avrà 330 posti a fronte delle 3.395 cattedre in deroga; 200 posti saranno banditi per il Piemonte, peccato però che nella regione ci siano 5.413 cattedre in deroga sul sostegno. Ed è curioso che il Molise, per dire, avrà a disposizione 370 posti: più di Emilia Romagna e Piemonte. Eloquente anche il caso lombardo: 1.300 posti in tutta la regione quando «la sola Milano ha 2.500 cattedre in deroga».

Il risultato, a questo punto inevitabile, sarà drammatico: cattedre senza specializzati al Nord e una marea di specializzati senza cattedra e lavoro al Sud. «Difficile dire il perché di tale ripartizione illogica – ragiona ancora Ciraci – sembra quasi un invito agli insegnanti del Sud a dover emigrare al Settentrione. Altra ragione diventa difficile immaginarla». Che è alquanto paradossale per un ministro di matrice leghista. E al disinteresse ministeriale si affianca quello di tante università che, come dice Salvatore Nocera della Fish (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), «non hanno predisposto corsi per gli insegnanti di sostegno e nessuno ha obbligato loro a muoversi diversamente. In ogni caso a pagare le conseguenze saranno i tanti alunni disabili che non avranno personale specializzato».

Ma c’è di più. Come spiegano ancora dal MiSoS, infatti, il decreto ministeriale, al di là degli annunci, non porterà ad alcun beneficio per altre due ragioni: innanzitutto se non ci dovessero essere ritardi di sorta, i 14.224 saranno “specializzati” non prima di febbraio 2020 e, dunque, certamente non in tempo per il prossimo anno scolastico, che si prepara ad essere un nuovo calvario per i ragazzi disabili. Senza dimenticare un altro aspetto: «In ogni caso si continua ad aggirare l’ostacolo – attacca Ciraci – . Noi stiamo formando nuovi specializzati, ma se allo stesso tempo non trasformiamo le supplenze in cattedre stabili, non risolviamo il problema. Perché questi 14mila andranno a rimpolpare l’esercito di precari». Stabilizzare, però, significa investire. Che, smaltiti annunci e propaganda, non sembra essere una priorità per i gialloverdi.

Da: QUI

Scritto da Sasha

NEWS CATEGORIA

(Verona)
-


RIMBORSI TARIFFE 28 GIORNI NEWS - Altro che rimborsi rapidissimi, c'è "puzza...

Crisi dei negozi infinita: 1 su 4 prevede chiusura entro fine anno
Crisi dei negozi infinita: 1 su 4 prevede chiusura entro fine anno
(Verona)
-

CRISI NEGOZI ITALIANI SOTTO CASA - Secondo un recente sondaggio condotto da SWG per Confesercenti è emerso che un negozio di vicinato su quattro prevede la chiusura a fine anno con bilancio negativo e due su dieci prevedono la riduzione della forza lavoro
CRISI NEGOZI ITALIANI SOTTO CASA - Secondo un recente sondaggio condotto da SWG...

La fine del Governo del cambiamento...in peggio!
La fine del Governo del cambiamento...in peggio!
(Verona)
-

Più spread, capitali in uscita, negozi chiusi e meno lavoro. Il prezzo del governo
FINE DEL GOVERNO DEL "CAMBIAMENTO".... Dovevano abolire la Fornero, la povertà,...

Tanti italiani si sentono dei falliti: un baratro psicologico
Tanti italiani si sentono dei falliti: un baratro psicologico
(Verona)
-

PERCHE' TI SENTI UN FALLITO? Parliamo di una sensazione associata al non essere riusciti a raggiungere gli obiettivi sperati a lungo o a breve termine
PERCHE' TI SENTI UN FALLITO? Parliamo di una sensazione associata al non essere...

Italia a RISCHIO RECESSIONE, ma ai nostri parlamentari non interessa
Italia a RISCHIO RECESSIONE, ma ai nostri parlamentari non interessa
(Verona)
-

ITALIA A RISCHIO RECESSIONE - Lo spettro della crisi economico-finanziaria torna a farsi vivo in Europa.
ITALIA A RISCHIO RECESSIONE - Lo spettro della crisi economico-finanziaria torna...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati