Imprenditrice rivoluzionaria: 'Non chiedo curriculum. Cerco brave persone'

(Milano)ore 11:35:00 del 05/01/2019 - Categoria: , Lavoro

Imprenditrice rivoluzionaria: 'Non chiedo curriculum. Cerco brave persone'
Imprenditrice rivoluzionaria: “Non chiedo curriculum. Cerco brave persone” – Prima o poi è capitato a tutti di dover scrivere e consegnare il proprio curriculum vitae.

Una vera scocciatura prepararlo, soprattutto sapendo che il più delle volte finirà tra una montagna di carte e magari non verrà nemmeno letto.

Ciò che scriviamo su quei fogli difficilmente riesce a rispecchiare chi siamo e che personalità abbiamo, e troppo spesso anche durante i colloqui abbiamo a disposizione solo pochi minuti per presentarci e dimostrare quanto valiamo. 

Meritxell Costa, la giovane imprenditrice protagonista di questa vicenda, è davvero unica nel suo genere. Pensate infatti che non ha mai chiesto il curriculum ai suoi dipendenti.

Meritxell ha da sempre le idee ben chiare: all’età di ventidue anni si è licenziata perché non si sentiva a suo agio con i colleghi, nonostante avesse un posto fisso e una buona paga.

Per lei è molto più importante lavorare insieme a persone felici in un clima sereno. Come darle torto? Ed è proprio rimanendo coerente con i suoi ideali che è riuscita a ottenere il successo lavorativo.

Infatti oggi, all’età di soli 33 anni, non solo è a capo di un’azienda di marketing e comunicazione che porta il suo nome, ma tiene lezioni universitarie nelle quali racconta ai giovani studenti la sua straordinaria esperienza.

“Non chiedo il curriculum ai miei dipendenti, ma domando loro se siano brave persone” 

È così che Meritxell si rivolge a chi cerca lavoro nella sua azienda. “Un curriculum non dice un granché, da solo informazioni oggettive: ma non pensate che abbiano altrettanta importanza quelle soggettive?

Non credete che sia importante sapere ciò che piace fare a una persona, o il modo in cui affronta e gestisce un problema?

Conosco bene le persone che lavorano per la mia azienda nonostante non abbia mai letto i loro curriculum vitae: so per certo che è gente affidabile e seria e che sarebbe in grado di portare avanti l’azienda anche senza di me.

Altra cosa fondamentale è essere felici mentre si lavora: per questo motivo non ci sono orari, ognuno è in grado di gestire la propria giornata.

In ufficio si trovano sempre cioccolata e caffè caldo. Al lavoro è importante essere felici: ci si passa gran parte della giornata e deve essere confortevole, anche per quanto riguarda gli indumenti che si indossano. 

Do un consiglio a coloro i quali hanno deciso di cambiare lavoro: riflettete bene sulle ragioni che vi spingono a farlo. Lo stipendio e le discussioni con il capo non sono delle motivazioni valide.

Se invece sentite di non poter crescere professionalmente, allora non ha più senso continuare a lavorare in quel posto.

Da: QUI

Scritto da Carla

NEWS CATEGORIA
Canarie, il PARADISO europeo: benzina 1 Euro, sigarette 2 e IVA al 7%
Canarie, il PARADISO europeo: benzina 1 Euro, sigarette 2 e IVA al 7%
(Milano)
-

Canarie: ecco il paese dove la benzina costa 1 euro, le sigarette 2 e l’IVA è al 7%
Benvenuti nel paradiso dei pensionati dove con 1000 euro si può fare una vita da...

Dati Istat: i nati dopo il 1970? I nuovi proletari italiani
Dati Istat: i nati dopo il 1970? I nuovi proletari italiani
(Milano)
-

I nuovi proletari? Sono i giovani. Perché a decidere chi sale e chi scende nella scala sociale è, sempre di più, l’appartenenza a una generazione.
I nuovi proletari? Sono i giovani. Perché a decidere chi sale e chi scende nella...


(Milano)
-


Tagli per non alzare le tasse: il Def della "recessione" preoccupa un po'...

2 milioni di emigrati dal meridione: la CRISI che spopola il SUD di cui NESSUNO PARLA
2 milioni di emigrati dal meridione: la CRISI che spopola il SUD di cui NESSUNO PARLA
(Milano)
-

In un anno sono stati registrati 97mila stranieri in più, ma la popolazione è diminuita di 207mila unità
In un anno sono stati registrati 97mila stranieri in più, ma la popolazione è...

200 mila BUROCRATI di Stato: ci costano 25 miliardi l'anno
200 mila BUROCRATI di Stato: ci costano 25 miliardi l'anno
(Milano)
-

Ogni anno gli alti dirigenti dichiarano di avere raggiunto gli obiettivi, anche se la percezione della loro efficienza è decisamente bassa
Ogni anno gli alti dirigenti dichiarano di avere raggiunto gli obiettivi, anche...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati