IL PROGRESSO! Non vuole lavorare il 31 dicembre: azienda la trasferisce a 100km di distanza

(Venezia)ore 21:31:00 del 31/12/2017 - Categoria: , Denunce, Lavoro

IL PROGRESSO! Non vuole lavorare il 31 dicembre: azienda la trasferisce a 100km di distanza
Poche settimane fa, Laura (nome di fantasia, ndr) ha comunicato alla sua azienda di non essere disponibile a lavorare la domenica di San Silvestro, il prossimo 31 dicembre.

Poche settimane fa, Laura (nome di fantasia, ndr) ha comunicato alla sua azienda di non essere disponibile a lavorare la domenica di San Silvestro, il prossimo 31 dicembre. Laura si è avvalsa della facoltà concessa dal suo contratto, che prevede il lavoro nei giorni festivi solo su base volontaria, dunque senza la possibilità per l'azienda di obbligare un qualsiasi dipendente a prestare servizio. Stando a quanto però denuncia il sindacato Cisl, Eurospin di Susa – l'azienda in cui Laura lavora – non avrebbe ben accolto la scelta della dipendente e il giorno successivo le avrebbe comunicato il trasferimento in un punto vendita a 100 chilometri di distanza.


Laura lavora da dodici anni per il discount, ha 40 anni, due figli piccoli e un marito al momento disoccupato dopo il fallimento dell'azienda per cui lavorava, dunque il trasferimento pone non pochi problemi alla lavoratrice, che ovviamente si è subito opposta alla decisione. Inoltre, Laura gode ancora di un vecchio contratto che non prevede il lavoro domenicale, ma solamente dal lunedì al sabato, dunque la decisione di non prestare servizio domenica 31 dicembre sarebbe ancor più legittima, spiegano i sindacati.
Secondo quanto ricostrutito finora, comunicata il 14 dicembre la decisione di non lavorare nel giorno festivo, Laura avrebbe ricevuto la comunicazione del trasferimento il successivo 15 dicembre: da lunedì 18 dicembre avrebbe lavorato per una settimana nella sede di Cuorgnè, a 98 chilometri di distanza da Susa. Laura ha interpretato questa scelta come una punizione e ha denunciato l’episodio al sindacato: "Abbiamo scioperato per il comportamento scorretto e antisindacale dell’azienda. Durante il presidio organizzato davanti al supermercato di Susa, abbiamo raccolto anche la solidarietà dei clienti: molti di loro hanno scelto di non entrare nel discount e di non fare acquisti in segno di protesta contro la decisione dell’azienda", ha spiegato Cisl. Al momento da parte dell'azienda nessuna replica

Da: QUI

Scritto da Luca

NEWS CATEGORIA
Meta' dei dipendenti al Sud guadagna meno del reddito di cittadinanza
Meta' dei dipendenti al Sud guadagna meno del reddito di cittadinanza
(Venezia)
-

Si chiama “effetto spiazzamento” ed è quello che potrebbe avvertire quasi metà (il 45% per l’esattezza) dei lavoratori dipendenti privati del Sud che - conti alla mano - guadagnano meno dei futuri percettori del reddito di cittadinanza da 780 euro
Si chiama “effetto spiazzamento” ed è quello che potrebbe avvertire quasi metà...

Renzi, nessuna autocritica: il personaggio diventato SCHIAVO di se stesso
Renzi, nessuna autocritica: il personaggio diventato SCHIAVO di se stesso
(Venezia)
-

Nessuna autocritica, toni grillini col governo, pubblico è una curva. L'Altra strada è l'eterna riproposizione di sé come progetto politico
Anche la presentazione del libro diventa uno spettacolo populista, che affoga la...

UE in crisi, resto del mondo in RIPRESA: MA NON VE LO DICONO
UE in crisi, resto del mondo in RIPRESA: MA NON VE LO DICONO
(Venezia)
-

I veri dati dell'economia sono clamorosi e confermano quello che è successo negli ultimi venti anni nel mondo (di positivo) e nella Unione Europea (di negativo)
Andiamo sempre peggio, si sente dire al Bar del pensiero luogocomunista. Si...

I 4 miliardi di tagli alla scuola nascosti dal governo
I 4 miliardi di tagli alla scuola nascosti dal governo
(Venezia)
-

L’istruzione sembra diventata il bancomat dei governi, da cui prelevare risorse ogni volta che ce n’è bisogno
L’istruzione sembra diventata il bancomat dei governi, da cui prelevare risorse...

Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?
Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?
(Venezia)
-

Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni imprudenti, a caccia di “shale oil” nel sottosuolo?
Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati