Horizon Zero Dawn The Frozen Wilds, cosa sapere

(Milano)ore 07:33:00 del 08/11/2017 - Categoria: , Videogames

Horizon Zero Dawn The Frozen Wilds, cosa sapere
Meticolosa e sfaccettata, la caratterizzazione dei Banuk mette in risalto tutto il lavoro di approfondimento operato da Guerrilla Games: con poche immagini e righe di dialogo, lo studio ci introduce la "storia" di questa tribù dallo stile di vita in conti

The Frozen Wilds è la dimostrazione di come il mondo di Horizon: Zero Dawn abbia in serbo molte altre storie da raccontarci: un DLC che non si limita ad aggiungere alcune quest secondarie di poco conto, né qualche blando escamotage narrativo utile a farci esplorare ancora una volta quelle lande ostili, bensì introduce un'intera regione inesplorata, oltre ad un nuovo manipolo di missioni e bestie meccaniche corrotte, fornendoci al contempo un sostanzioso, inedito armamentario con il quale fronteggiarle. Corposa espansione di uno dei giochi più acclamati dell'anno, The Frozen Wilds riconferma anche tutta l'abilità di Guerrilla Games nel costruire un immaginario potente e stratificato, che si incastra perfettamente con quello dell'opera di base (necessaria, tra l'altro, per poter usufruire dei contenuti dell'add-on). È stato quindi un piacere indossare i panni di Aloy in questa mini-avventura. Qualora decideste di partire anche voi, tuttavia, fareste bene a prepararvi adeguatamente: "nelle terre gelate" di The Frozen Wilds si muore, e non solo dal freddo.

La missione che la nostra impavida cacciatrice si troverà costretta ad affrontare è terribilmente insidiosa: occorrerà in sostanza aver ottenuto un adeguato livello di esperienza per riuscire a sopravvivere a lungo nella zona dello Squarcio, un'ampia porzione di territorio vergine, inospitale e selvaggio, situato all'estremo Nord della mappa.

Le vicende raccontate da The Frozen Wilds saranno accessibili dopo aver completato circa tre quarti della storyline principale: per evitare di essere sopraffatti dall'ipotermia, sarà meglio partire in avanscoperta con un livello pari almeno a 30. Nel caso foste già pronti, nulla vi vieterà di armarvi di scarponi da neve e pellicciotti imbottiti e partire alla volta di questa macro area del tutto nuova, tanto bella da vedere quanto pericolosa da esplorare. Animata dal suo solito spirito da buona samaritana, Aloy si prodigherà nel salvataggio della tribù dei Banuk: un "Demone" di origine ignota, infatti, sta assumendo progressivamente il controllo delle macchine, rendendole ancora più aggressive del solito. Per fermarlo, la protagonista dovrà entrare in contatto con gli usi ed i costumi di questa popolazione nomade, incline al misticismo, al culto della forza ed alle dure punizioni corporali. Meticolosa e sfaccettata, la caratterizzazione dei Banuk mette in risalto tutto il lavoro di approfondimento operato da Guerrilla Games: con poche immagini e righe di dialogo, lo studio ci introduce la "storia" di questa tribù dallo stile di vita in continuo movimento, costantemente all'erta per il pericolo proveniente ora dal clima rigido, ora dagli assalti di una fauna artificiale inspiegabilmente feroce. I suoi insediamenti, costituiti da capanne mobili e ripari di fortuna, rappresentano la chiara testimonianza di un'esistenza precaria, incerta, sofferente. I fumi di un vulcano in lontananza, l'inverno perenne ed i bacini d'acqua a rischio siccità sono solo alcuni dei problemi che i Banuk si trovano a combattere quotidianamente: Aloy è chiamata quindi a fungere da "salvatrice", giunta in loro soccorso allo scopo di comprendere l'identità del Demone ed il metodo più efficace per annientarlo.

Il mistero dei ghiacci

Chi ha platinato Horizon Zero Dawn o ha superato il livello quaranta, farebbe bene a settare la difficoltà a un livello un po' più elevato del normale per godersi una sfida degna di nota, poiché sia il bilanciamento, sia il nuovo equipaggiamento potrebbero darvi sin troppi vantaggi per gran parte dell'avventura. 

A proposito di new entry, è da segnalare il nuovo set dei Banuk composto da armi, vestiti e potenziamenti specifici da ottenere con le pietre rare del posto, chiamate Blubagliore. Esiste la possibilità di potenziare ulteriormente la lancia e si possono utilizzare altre due armi a breve e medio raggio, che aumentano le possibilità di approccio alle battaglie, dando inoltre carattere distintivo alle usanze della tribù, votata alla caccia e già ottimamente caratterizzata dal team di sviluppo.

Oltre all'introduzione di queste piccole novità, non si registrano cambiamenti alla formula di gioco né a nient'altro, e d'altra parte Horizon non ne sente ancora il bisogno e trova una sua quadratura anche in questa espansione, densa di missioni da portare a termine e gestita con un ritmo pressoché perfetto. Ritornano dunque i terreni di caccia, le commissioni, i collilunghi, i campi dei banditi e tutto ciò che aveva decretato il successo di Zero Dawn, con alcune quest più complesse di altre che tentano di alzare un po' l'asticella.

Sebbene non ci sia nulla di nuovo da segnalare per quanto riguarda il comparto tecnico, è bene sottolineare anche qui quanto sia da incensare il lavoro artistico di Guerrilla, capace di tratteggiare con grande maestria e ispirazione un ambiente di gioco selvaggio, spietato e in cui le condizioni di vita sono portate all'estremo. Arrampicarsi in cima a una montagna innevata e osservare l'aurora boreale, attraversare foreste e correre su laghi ghiacciati, percorrere sentieri tortuosi mentre una tempesta di neve vi limita la vista: sono solo alcuni dei momenti che ogni utente vivrà in The Frozen Wilds, che in quanto a bellezza dei panorami non ha nulla da invidiare a Horizon Zero Dawn.

Scritto da Carmine

NEWS CATEGORIA
Recensione ufficiale Kingdom Come Deliverance
Recensione ufficiale Kingdom Come Deliverance
(Milano)
-

Dicevo degli eroi che siamo abituati ad impersonare, i quali vengono (giustamente) scritti come personaggi in grado di esibirsi in discorsi galvanizzanti come in frasi ad effetto capaci di zittire chiunque
Abituati come siamo - noi videogiocatori - ad associare le storie in ambito...

Joe Dever's Lone Wolf, provato
Joe Dever's Lone Wolf, provato
(Milano)
-

Nel corso dei quattro capitoli che compongono il gioco accompagneremo il nostro monaco guerriero tra feroci combattimenti e scelte che cambieranno il nostro destino, aumentando di gran lunga il fattore rigiocabilità
Grandi librerie, negozietti di provincia, polverose edicole di più o meno note...

Vampyr, provato
Vampyr, provato
(Milano)
-

La prima, più intrigante e, se vogliamo, facile, dovrà però essere affrontata con molta discrezione e oculatezza, cercando d'evitare di mandare in malora il quartiere che altrimenti verrà infestato dai putridi mostri notturni che c'impediranno d'investiga
Vampyr è ambientato a Londra, nel 1918, ovvero il periodo successivo alla Great...

Dynasty Warriors 9, guida
Dynasty Warriors 9, guida
(Milano)
-

Se molte altre volte nella serie questo è stato il punto di partenza per storie che avrebbero poi visto trionfare la fazione scelta dal giocatore, DW9 continua a scavare la strada “storica” iniziata dal settimo capitolo della saga.
Le premesse della trama sono arcinote. Ci troviamo nella Cina del II secolo dopo...

La prova di Candleman The Complete Journey
La prova di Candleman The Complete Journey
(Milano)
-

Essendo l’unica candela in grado di accendersi, è possibile accendere la fiamma a piacimento, ma per un massimo di dieci secondi totali per ogni livello, pena il game over. Intorno all’assenza di luce si muove il gameplay di Candleman.
All’interno di una nave misteriosamente naufragata, una piccola candela...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati