Follia leghista: decreto ingiuntivo senza passare per il giudice

(Milano)ore 11:44:00 del 04/12/2018 - Categoria: , Denunce, Economia

Follia leghista: decreto ingiuntivo senza passare per il giudice
Un pericoloso disegno di legge proposto dalla Lega minaccia di mettere in ginocchio i poveri cittadini alle prese con gli squali della finanza e i creditori.

Il presidente della commissione Giustizia del Senato, Andrea Ostellari, ha presentato un ddl per modificare il decreto di ingiunzione.

Attualmente infatti per ottenerlo servono due passaggi. Rivolgersi ad un avvocato – che prepara l’atto – e poi sottoporlo a un giudice che ne verifica la sussistenza in base al codice.

Ebbene, secondo la proposta del senatore leghista si salterebbe il parere del giudice: sarebbe direttamente il difensore del creditore ad emettere il provvedimento.

“Il giudice – spiega Ostellari – nell’esaminare la documentazione che gli viene presentata dall’avvocato, fa un lavoro praticamente da notaio. Peraltro, il tempo tecnico solo per queste prime operazioni è di tre mesi minimo. Con questa procedura ci vorrebbero invece solo 10-15 giorni”.

Pazienza, poi, se l’avvocato – magari “stimolato” dalla parcella – non vada tanto per il sottile. Come se non bastasse, viene tolto al creditore l’onere di pagare il cosiddetto contributo unificato, ossia le imposte di bollo o di registro.

Tuttavia, poiché resta fermo il diritto di chi viene raggiunto dal provvedimento di fare ricorso, le spese – compresa quella del contributo unificato – saranno a suo carico.

Decreto ingiuntivo, l’avvocato si sostituisce all’ufficiale giudiziario

Sempre secondo il ddl presentato da Ostellari, sarebbe possibile effettuare l’attività di ricerca sui beni del debitore contestualmente al decreto di ingiunzione.

A svolgerla sarebbe anche in questo caso l’avvocato e non più l’ufficiale giudiziario. Ovviamente, però, non mancano le critiche all’introduzione di questo tipo di procedura.

Come il rischio di violare il principio del giusto processo, dal momento che il creditore avrebbe la possibilità di arrivare all’emissione del decreto ingiuntivo senza contraddittorio e senza passare dal giudice.

Per fugare questi dubbi, Ostellari prevede che il difensore che per dolo o colpa non rispetti le verifiche di legge nello stilare il decreto sia passibile di illecito disciplinare, oltre che di responsabilità civile per i danni. Il provvedimento è stato incardinato e l’iter dovrebbe partire entro la fine dell’anno.

Il senatore leghista assicura che ci saranno audizioni anche per sentire le opinioni delle diverse parti in causa ma sottolinea che questo testo nasce “in un clima di condivisione anche con il M5s”, mentre dall’opposizione “non ci sono stati ancora riscontri”.

Il problema di fondo è che un conto è il caso di un lavoratore non pagato che è creditore e si prende quanto gli spetta dal datore di lavoro in 15 giorni circa, mentre oggi ci vogliono tre mesi.

Un conto è il caso di un cittadino meno abbiente, che ha comprato il frigofero nuovo e che si ritrova un decreto ingiuntivo perché non ha pagato una rata.

Va da sé che il parere del giudice serve proprio a discernere, a valutare caso per caso se tutelare il creditore o il debitore.

Mettendo invece tutto in mano all’avvocato, pagato per far avere i soldi al creditore, è chiaro che il debitore, chiunque esso sia, ci rimetterà sempre.

Da: QUI

Scritto da Luca

NEWS CATEGORIA
1 Italiano su 2 scontento e PESSIMISTA sul futuro
1 Italiano su 2 scontento e PESSIMISTA sul futuro
(Milano)
-

Italiani e risparmi: il 54% è pessimista sul futuro, fondo pensione la copertura più gettonata
Aumento delle tasse, costo della vita, pensioni basse, precarietà del lavoro....

Droga, a Napoli nella piazza di spaccio minorenni usati come pusher e corrieri
Droga, a Napoli nella piazza di spaccio minorenni usati come pusher e corrieri
(Milano)
-

Il blitz nel quartiere di Ponticelli. Coinvolte dodici persone, tutte indagate per traffico e spaccio di droga
Bambini pusher o veri e propri corriere di droga: è questa la scoperta dei...

City car, elettrica, italiana: perche' darla ai cinesi?
City car, elettrica, italiana: perche' darla ai cinesi?
(Milano)
-

Ecco l’auto elettrica (90km/h – 200 km di autonomia – costo 10.000 € – consumi praticamente 0) che l’Italia non vuole e la Cina Si… Potenza delle lobby del petrolio!
La Askoll di Vicenza da tre anni non trova sostegno e finanziamenti per un...


(Milano)
-


Scarica gli oneri sulle generazioni future e viola l’equilibrio di bilancio e...


(Milano)
-


Mozzarella sbiancata con la soda, pesce vecchio rinfrescato con un "lifting"...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati