Fifa 19: recensione passo passo

(Genova)ore 20:13:00 del 25/09/2018 - Categoria: , Videogames

Fifa 19: recensione passo passo
Tra i primi troviamo la scelta dell'ambientazione, compresa la finale di Champions League o di un'altra coppa nazionale o europea.

 

Settembre inoltrato, campionato già ben avviato, ripartono le scuole e torna finalmente la Champions League, la coppa per club più ambita e prestigiosa dell’intero panorama calcistico mondiale. Una competizione organizzata dalla UEFA, la “Union of European Football Associations”, responsabile anche dell’Europa League: due tornei che quest’anno vanno a rinforzare il parco licenze già esagerato di FIFA 19, ultimo capitolo del calcistico firmato Electronic Arts, che si porta dietro anche una ritrovata ufficialità della Serie A TIM.

Maglie, loghi e grafiche originali ma anche un’esperienza confezionata magistralmente per regalare a tutti i tifosi le emozioni del grande calcio: quest’anno l’attenzione di FIFA è tutta off the pitch e il salto di qualità rispetto all’anno scorso è spaventoso, con vesti rinnovate, modalità inedite e un FUT reinventato dove serviva, ma basterà ad accontentare tutti?

La nostra avventura è iniziata con l’inno più sublime del calcio, quello della Champions Leagueche dà il benvenuto al nuovo giocatore con la partita delle partite: Juventus contro PSG, ovvero la finale immaginata da EA, uno scontro fra due pretendenti storiche che vedrà finalmente trionfarne una, almeno in “digitale”, con buona pace dei tifosi bianconeri o della leggenda Buffon, titolare tra i pali della compagine parigina.

Dopo aver visto Ronaldo conquistare la sua sesta Champions League ci siamo immersi nella carriera, in particolare quella allenatore dove abbiamo potuto notare l’aggiunta di alcuni elementi nelle aspettative della dirigenza e nella contrattazione e qualche miglioria sparsa, ma poter affrontare il reale calendario della stagione 2018/2019 sia con le partite di campionato che con i turni di Champions League ci ha fatti sentire ancora più coinvolti. Unica pecca è la non totale ufficialità delle squadre impiegate e degli impegni a calendario riguardanti appunto la competizione UEFA, che ha visto la nostra Juventus giocare la prima contro il Viktoria Plzen anziché esordire al Mestalla.

Le novità di FIFA 19 non si fermano di certo a Il Viaggio. Quest'anno gli sviluppatori hanno messo le mani anche nel cosiddetto Calcio d'Inizio, ovvero il posto dove fino a FIFA 18 si poteva dare il via a una partita amichevole senza troppi fronzoli. Lo spirito resta più o meno lo stesso, ma volendo ora si possono impostare alcuni elementi legati alla presentazione della partita o al gameplay. Tra i primi troviamo la scelta dell'ambientazione, compresa la finale di Champions League o di un'altra coppa nazionale o europea. Nelle Regole Personalizzate si può invece stravolgere il gioco del calcio come lo conosciamo: tra le regole selezionabili c'è la modalità Sopravvivenza, dove a ogni gol corrisponde un'espulsione nella squadra che lo realizza, Tiri da Fuori, dove le conclusioni dall'esterno dell'area di rigore valgono doppio, fino ad arrivare a Niente Regole, dove a essere abolito è il fuorigioco insieme a ogni genere di fallo. Una vera e propria "royal rumble", poco appetibile se giocata contro la CPU, ma concepita per aumentare il tasso di divertimento in occasione delle sedute multigiocatore da divano con gli amici. Allo stesso modo, le serie di partite "al meglio di" evitano il compito di tenere a mano il conto nelle sfide in locale.

Andando oltre, troviamo la prevedibile possibilità di disputare in modo secco una Champions League, anche se la via più appetitosa per affrontare questa competizione è legata alla sua integrazione nella modalità Carriera.Al suo interno è infatti possibile disputare la Champions con la propria squadra, arricchendo così l'esperienza di questa importante tipologia di gioco offline di FIFA 19 con il trofeo per club più importante. Sempre per quanto riguarda la Carriera, chi è alla ricerca di sfide particolarmente impegnative troverà pane per i suoi denti grazie all'aggiunta del livello di difficoltà Ultimate. Nell'universo di FIFA 19 non possiamo di certo dimenticarci di FIFA Ultimate Team (per gli amici FUT), il "gioco nel gioco" diventato ormai parte fondamentale della vita online di molti utenti. Ultimate Team può adesso contare sulle dinamiche chiamate Division Rivals, simili a quanto già visto in myClub con PES 2019 e in generale nelle stagioni dei giochi competitivi online: dopo aver disputato alcune partite per determinare la propria divisione di partenza, il giocatore viene collocato in una lega insieme ad altri dotati della sua stessa abilità. Ottenendo punti, si può salire di settimana in settimana fino alla divisione di livello più alto, accumulando allo stesso tempo premi da spendere per migliorare la propria squadra e qualificarsi alla Weekend League. Di ritorno anche le apprezzate Squad Battles, mentre per l'ingaggio dei calciatori vi segnaliamo le nuove Scelte Giocatori: grazie a queste, è possibile selezionare tra cinque calciatori quello che si vuole aggiungere alla propria rosa, ottenendo così maggiore libertà nel comporla rispetto al passato. Con l'arrivo della licenza della Champions League, aspettatevi infine eventi e competizioni a tema anche per FUT

Il gameplay: controllo, tempismo e spettacolarità

Dopo aver espresso le nostre prime impressioni sulle dinamiche di gioco nel provato di FIFA 19 in occasione dell'uscita della demo, andiamo ad analizzare il gioco sulla scia delle sessioni che abbiamo speso tra le sue varie modalità. Il punto cardine in campo è l'Active Touch System, grazie al quale gli atleti rispondono in modo rapido ed efficace ai comandi dell'utente. Sin dalle prime partite, a colpire è il modo in cui i giocatori controllano e gestiscono la palla, usando le varie parti del corpo per addomesticarla. Grazie alle nuove dinamiche e alle immancabili animazioni aggiuntive i movimenti avvengono tutti con maggiore fluidità: in particolare sono i tiri al volo a essere effettuati con notevole naturalezza, permettendoci di colpire la palla a qualunque altezza essa si trovi. In combinazione con queste dinamiche agiscono le cosiddette 50/50 Battles, con cui i contrasti appaiono ora meno scriptati e più casuali, con reazioni imprevedibili da parte della palla in seguito al contatto tra i giocatori. A proposito di contrasti, pur risultando quasi sempre puntuali nei loro interventi ci sono state occasioni in cui gli arbitri ci hanno un po' sorpreso per la loro leggerezza nel gestire quelli in piedi, non sanzionando interventi netti sull'uomo.

Come promesso abbiamo dedicato particolare attenzione alla Finalizzazione a Tempo, nuova dinamica che permette di aumentare la precisione di un tiro premendo una seconda volta il bottone al momento dell'impatto con la palla. Ci sentiamo di dire che questa funzione presenta un rapporto tra rischi e benefici molto equilibrato, richiedendo un elevato livello di concentrazione e tempismo per evitare che il tiro finisca in curva. Anche se il sistema è disattivabile in toto tramite menu, da quello che abbiamo visto basta semplicemente non provare a premere di nuovo il tiro, per lasciare che la sua traiettoria venga calcolata in modo tradizionale. Al di là del personale gradimento per questa nuova funzione di gioco, così come fatto tempo fa con la Difesa Tattica va dato atto a EA Sports di provare di tanto in tanto a rinnovare dinamiche vecchie ormai anni, accettando il rischio di incontrare o meno il favore dei videogiocatori con quanto proposto. Per quanto riguarda invece l'intelligenza artificiale di FIFA 19 possiamo dichiararci soddisfatti, anche se non pienamente come avremmo sperato. Le nuove Tattiche Dinamiche permettono al giocatore di avere maggiore controllo sui comportamenti in campo dei giocatori, stabilendo i loro compiti con maggiore precisione. I nostri compagni di squadra sono abili nel seguire le indicazioni, coprendo gli spazi e proponendosi per uno scatto dove ne individuano la possibilità. L'aspetto in cui FIFA 19 continua a non convincere riguarda il gioco della CPU: le squadre più forti esercitano un tiki-taka ossessivo, portato avanti con un ritmo talvolta irreale. Per riuscire a contrastare la manovra senza frustrazione aiuterebbe una diminuzione della velocità di gioco, secondo noi ancora troppo elevata. La scelta di mantenere alto il ritmo sembra comunque fare parte di una filosofia ben precisa, con cui EA Sports vuole legare in FIFA 19 realismo e spettacolo. Per quanto riguarda quest'ultimo, ci è sembrato un po' esagerato il ricorso alle acrobazie da parte dei giocatori, anche quando non servirebbero. Non possiamo inoltre fare a meno d'immaginare che online (soprattutto in FUT) spopoleranno gli ormai tantissimi trick, facilmente realizzabili dopo un po' di pratica

 

Scritto da Carmine

NEWS CATEGORIA
La prova di Beyond Good & Evil 2
La prova di Beyond Good & Evil 2
(Genova)
-

Nella prima sfera troviamo i potenziamenti, un primo tool chiamato Spyglass, la cooperazione e il combattimento; nella seconda, invece, agiscono il capitano, ovvero il nostro personaggio-trait d’union tra i due ambiti, la ciurma e l’astronave.
  Dopo un tormentato percorso, quella che è una serie già ampiamente tormentata...

The Outer Worlds: cosa sapere
The Outer Worlds: cosa sapere
(Genova)
-

Un tempo territorio di frontiera, Halcyon è rapidamente finito vittima delle megacorporazioni che dominano l’intero universo e che l’hanno imbottita di marchi, pubblicità e centri per la spesa più folle.
  The Outer Worlds porta la firma dei director dei Fallout originali, Tim Cain...

Resident Evil 2: recensione ufficiale
Resident Evil 2: recensione ufficiale
(Genova)
-

Come nell’originale ci saranno note, fotografie o lettere che vi aiuteranno via via a capire il vostro obiettivo, ma rimane il fatto che le ambientazioni, come la stessa centrale di polizia teatro di molti degli avvenimenti del gioco, rimangono un capolav
  Il remake di Resident Evil 2 è oramai in dirittura d’arrivo. Mancano davvero...

Super Smash Bros Ultimate: cosa conoscere
Super Smash Bros Ultimate: cosa conoscere
(Genova)
-

Verrebbe da pensare che dopo il quantitativo di Nintendo Direct dedicati (che, ad occhio, sfiorano le due ore di contenuti) non ci sia più niente da dire su Ultimate.
  Dall’esordio nel 1999, Super Smash Bros. si è esibito in un percorso di...

Sea of Thieves Shrouded Spoils: provato
Sea of Thieves Shrouded Spoils: provato
(Genova)
-

Ulteriore novità interessante di questo aggiornamento è l’incredibile aumento di pericoli nei quali imbattersi solcando liberamente per i mari.
  Rare ha presentato mediante un nuovo trailer di lancio Shrouded Spoils, nuovo...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati