Cosa ci lascia il PD? UN DEBITO DA 7 MILIARDI!

(Roma)ore 22:06:00 del 08/01/2018 - Categoria: , Denunce, Economia, Politica

Cosa ci lascia il PD? UN DEBITO DA 7 MILIARDI!
In sé 0,3 punti di Pil valgono 5 miliardi, ma se la manovra si fa a maggio, bisogna caricare su 8 mesi scarsi la correzione annuale e quindi l'onere aumenta di 2 miliardi.

Le elezioni anticipate ai primi del marzo del 2018 costituiscono un bel regalo di capodanno al Pd per la campagna elettorale con un conto salato a carico del governo che verrà dopo le elezioni, che dovrà fare una manovra correttiva per ridurre di 0,3 punti sul Pil il deficit del bilancio del 2018, varato questo dicembre, con varie mance rivolte a raccogliere voti.

In sé 0,3 punti di Pil valgono 5 miliardi, ma se la manovra si fa a maggio, bisogna caricare su 8 mesi scarsi la correzione annuale e quindi l'onere aumenta di 2 miliardi. La manovra ci verrà chiesta dalla Commissione europea, che la ha già preannunciata, con una missiva preliminare. In marzo, il quadro economico del 2018 sarà più chiaro e il Commissario competente ci manderà il calcolo definitivo. Con Bruxelles si può cercare di mercanteggiare come il governo Pd ha fatto in passato barattando la richiesta di sconti sulle riduzioni di deficit con la accettazione supina di decisioni franco tedesche a noi non favorevoli. Ma accanto a Bruxelles, noi dovremo rispondere al richiamo che ci è venuto da Francoforte dalla Bce, guidata da Mario Draghi. Questi nell'annunciare che la politica monetaria di facilitazione quantitativa (QE) consistente nell'acquisto di titoli pubblici e altri titoli da parte della Bce continuerà per tutto l'anno, perché ce ne è ancora bisogno per raggiungere tasso di inflazione fra lo 1,5 e il 2% considerato «stabilità monetaria», ha aggiunto che i Paesi con debito eccessivo come l'Italia debbono ridurlo, riducendo il loro deficit di bilancio.

La richiesta di Draghi all'Italia non è negoziabile, perché la Germania e altri paesi sostengono che sebbene la politica monetaria di Qe sia benefica per tutta l'euro zona, essa ha l'inconveniente di stimolare Paesi come l'Italia a fare nuovi debiti, contando sul fatto che la Bce si prende a carico quelli vecchi. Formalmente la Qe non consiste nel finanziare i disavanzi, perché si attua con l'acquisto di titoli pubblici emessi in passato e quindi non contrasta con il divieto per la Banca centrale europea di finanziare con proprie emissioni di moneta i deficit che fanno i singoli stati membri. Ma sostanzialmente, sostiene la Bundesbank tedesca, la politica italiana di mantenere un alto debito pubblico, sfruttando la Qe se non è zuppa (cioè finanziamento di deficit in cambio di moneta) è pan bagnato (cessione di vecchi debiti per farne di nuovi, in cambio di moneta). Man mano che la Qe si ridurrà, il tasso di interesse sul debito salirà e l'Italia se non ridurrà il debito/Pil pagherà più interessi sul Pil, con una spirale pericolosa. Se il Pd avesse usato per investimenti i deficit che hanno fatto salire in 5 anni il debito/Pil dal 118 al 132%, ora avremmo più crescita e più mezzi per la quadra del bilancio. Ma il Pd ha fatto la cicala, con spese correnti improduttive e ora il conto lo pagheremo noi, formiche italiane.

Da: QUI

Scritto da Gerardo

NEWS CATEGORIA
I segreti della NORVEGIA (SENZA DEBITO PUBBLICO)
I segreti della NORVEGIA (SENZA DEBITO PUBBLICO)
(Roma)
-

Ogni bambino che nasce in Norvegia ha un patrimonio di 161.000 Euro, il fondo sovrano vale mille miliardi, Altro che debito pubblico! Il segreto del loro successo.
Ogni bambino che nasce in Norvegia ha un patrimonio di 161.000 Euro, il fondo...

Estate 2018: irregolare 50% delle case vacanze
Estate 2018: irregolare 50% delle case vacanze
(Roma)
-

Controlli a tappeto: individuati 2.187 venditori abusivi, tra cui 509 stranieri e 22 minori, o erano senza contratto o venivano pagati in nero
Una casa vacanza su due affittata in maniera irregolare. E' quanto emerge dai...

Giudici e professori salvati: FINTO taglio agli assegni d'oro
Giudici e professori salvati: FINTO taglio agli assegni d'oro
(Roma)
-

Il ricalcolo contributivo avvantaggerà le categorie che si ritirano dal lavoro più tardi e con salari elevati
L'esperto di materia previdenziale Giuliano Cazzola lo aveva già spiegato sul...

Codacons a rischio chiusura: PIGNORATI BENI PER 300MILA EURO
Codacons a rischio chiusura: PIGNORATI BENI PER 300MILA EURO
(Roma)
-

Prima due pignoramenti da 235mila euro. Poi una serie infinita di cartelle esattoriali, che soltanto grazie agli sconti garantiti dall' ultima rottamazione hanno portato a un esborso all' Erario di 300 mila euro
CONSUMATORI CONSUMATI DALLA GIUSTIZIA - IL CODACONS È A RISCHIO CHIUSURA: GLI...

L'economia TRUMP VOLA: lavoro per tutti!
L'economia TRUMP VOLA: lavoro per tutti!
(Roma)
-

Ci sono momenti dove il cronista deve tacere a far parlare solo i fatti. E questi fatti sono immensi, gridano vendetta per noi cittadini ridotti da un sistema monetario infame a viver da topi nel perenne terrore delle ire e delle scudisciate del Padrone a
Ci sono momenti dove il cronista deve tacere a far parlare solo i fatti. E...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati