Calcioscommesse vergogna

PIACENZA ore 11:38:00 del 11/02/2015 - Categoria: Calcio

Calcioscommesse vergogna
Calcioscommesse vergogna | Ecco il clamoroso accaduto

Il calcio è diventato un business-vergogna. Hanno addirittura introdotto le scommesse per le serie minori (quali eccellenza e promozione) che è una vera e propria azione di autolesionismo. Pensate a tutti i calciatori che non prendono lo stipendio (700 euro) da un paio di mesi: 500 euro ciascuno sulla sconfitta della propria squadra e il guadagno è servito. Il calcioscommesse è un vergognoso e brutto aspetto del calcio. Calciatori che guadagnano milioni e milioni di € si mettono anche a fare queste scommesse (non rispettando i propri tifosi tra l'altro) solo per avere qualche soldo in più. E' incredibile a che livello si è arrivati, le persone non si accontentano mai di niente, neanche se stanno benissimo.

I giocatori che guadagnano tanti milioni di euro in un anno, quanti noi (non) ne guadagneremo in tutta la vita e si vendono una sconfitta andrebbero radiati e arrestati. Chi lo fa (e parliamo delle serie minori) per coprire dei debiti ha qualche attenuante. Andrebbero fatte alcune precisazioni: un conto è chi si vende la sconfitta della propria squadra, un conto sono le partite di fine campionato che sono sempre state più o meno indirizzate, almeno per quelle fra una squadra che lotta per qualcosa e una che non ha niente da perdere.

La possiamo fare anche noi una scommessa? Scommettiamo che tutto questo scandalo finirà a tarallucci a vino, come è consuetudine in terra italica, landa rinomata in ogni dove per impunità e furberie (basta leggere le prime pagine dei quotidiani esteri di questi giorni per averne conferma). E se poi la nazionale dovesse vincere il prossimo campionato europeo allora apriti cielo! Avremo mediaworld che dispensa TV come caramelle come nel 2006, avremo il popolo in visibilio, avremo tornelli con tanto di po-po ro-po-po-po-po sulle note dei White Stripes, et voilà: gran chissenefrega con tutti che si saranno dimenticati di tutto. Politicanti e opinionisti in primis, gli stessi che oggi fanno gli indignati.

Una galleria di personaggi che sembra fatta apposta per mostrarci come il mondo del calcio abbia eletto l’eccesso a propria misura. Un campionario di comportamenti che al confronto le sceneggiature da cinepanettone sembrano firmate da Tarkovskij. Stiamo parlando dei protagonisti dell’ultimo Calcioscommesse all’italiana, delle loro azioni e delle conversazioni telefoniche a cui davano vita. Uno spaccato impietoso sul national pastime italiano e i suoi idoli.

Scritto da Gerardo

NEWS CATEGORIA
Juventus IN ROSSO, 280 milioni di debiti
Juventus IN ROSSO, 280 milioni di debiti

-

Un’operazione da 340 milioni e manca ancora la commissione per Mendes. I costi sono già aumentati con gli ultimi acquisti, la gestione si è un po’ stressata
La domanda è sempre la stessa: come farà la Juventus a consentirsi l’acquisto e...

Ronaldo alla Juve? Operai Fiat SENZA AUMENTI DA 10 ANNI
Ronaldo alla Juve? Operai Fiat SENZA AUMENTI DA 10 ANNI

-

“Non c’è un aumento di paga base da 10 anni. Tutti gli stabilimenti sono in cassa integrazione”
“Non c’è un aumento di paga base da 10 anni. Tutti gli stabilimenti sono in...

Francesco Totti, tutte le opere d'umanita' di un CAMPIONE dentro e fuori dal campo
Francesco Totti, tutte le opere d'umanita' di un CAMPIONE dentro e fuori dal campo

-

“Ho speso molti soldi per alcool, donne e macchine veloci, il resto l’ho sperperato” disse una volta George Best, coniando una frase destinata a diventare il cliché del grande campione tutto genio e sregolatezza.
“Ho speso molti soldi per alcool, donne e macchine veloci, il resto l’ho...

Calcio: la religione ufficiale di milioni di esseri umani.
Calcio: la religione ufficiale di milioni di esseri umani.

-

Nulla oggi mobilita tanto le masse come il calcio. Ogni volta che si disputa un Mondiale di calcio, i fenomeni sociali che si verificano e la trasformazione delle condotte di società intere richiamano fortemente l’attezione.
Nulla oggi mobilita tanto le masse come il calcio. Ogni volta che si disputa un...

ODE alla Spagna che mette al PRIMO POSTO il RISPETTO DELLE REGOLE
ODE alla Spagna che mette al PRIMO POSTO il RISPETTO DELLE REGOLE

-

«Lo abbiamo saputo soltanto cinque minuti prima del comunicato ufficiale», ha spiegato il presidente Luis Rubiales (41 anni, ripetiamo: 41 anni) in una conferenza stampa che dovrebbe essere presa ad esempio per un corso universitario su “come si sta al mo
«Lo abbiamo saputo soltanto cinque minuti prima del comunicato ufficiale», ha...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati