Boschi: mio padre? Una brava persona! Dal 2010 indagato dieci volte!

CAMPOBASSO ore 15:31:00 del 17/04/2016 - Categoria: Denunce, Politica - Boschi

Boschi: mio padre? Una brava persona! Dal 2010 indagato dieci volte!
Il Ministro Boschi ci racconta che il padre “è una brava persona”. Perchè non ci dice anche che dal 2010 è stato indagato dieci volte?!?

Il Ministro Boschi ci racconta che il padre “è una brava persona”. Perchè non ci dice anche che dal 2010 è stato indagato dieci volte?!?

Pierluigi Boschi indagato dieci volte. Banca Etruria, 17 milioni di consulenze inutili secondo la Banca d’Italia

Il padre del ministro delle riforme Maria Elena Boschi, Pier Luigi Boschi, è stato indagato per dieci volte dal 2010 al 2015. Lo scrive oggi il Fatto Quotidiano,sottolineando che tutti i procedimenti – tranne quello in corso – sono stati archiviati.

Il padre del ministro è stato indagato o coindagato per turbativa d’asta, estorsione, dichiarazione infedele, omesso versamento dei contributi. Di quattro dei dieci fascicoli era titolare il procuratore capo di Arezzo, Roberto Rossi. Gli altri sei sono stati assegnati ad altri magistrati. L’ultimo, avviato nel dicembre 2014 e ancora in corso, è stato aperto dal pm Ersilia Spena poi andata in pensione. Per quest’ultimo, che ipotizza a carico di Boschi l’omissione dei versamenti dei contributi per alcuni dipendenti di un’azienda agricola, è stata chiesta l’archiviazione ma il giudice per le indagini preliminari non si è ancora pronunciato.

Il resoconto delle indagini avviate a carico di Pier Luigi Boschi è contenuto nel fascicolo trasmesso dall aprocura di Firenze al Csm che ne aveva fatto richiesta per valutare eventuali ruoli di incompatibilità per il procuratore capo Rossi e il ruolo di consulenza svolto per il governo.

Intanto procedono le indagini sul dissesto di banca Etruria. Secondo il Corriere della Sera nella relazione del liquidatore Giuseppe Santone figurerebbero anche 17 milioni pagati per incarichi di consulenze ritenute “inutili”dagli ispettori della Banca d’Italia per “lavori affidati a professionisti diversi ma che avevano per oggetto la stessa materia”.

In particolare viene contestato il «pagamento di 35 fatture a fronte di prestazioni non preventivamente contrattualizzate» per 2 milioni e 666mila euro, 4 per 180mila euro e una di 2 milioni e 283mila euro «da parte del servizio amministrazioni fornitori in assenza di delibera». Sono invece 14, per un totale di 180mila euro, le fatture «per delibere di importo inferiore a quanto pagato. Ben più alto, 5 milioni e 118mila euro il valore delle fatture giustificate da «delibere con importo generico» e addirittura 17 fatture per un totale di due milioni e 815mila euro «per le quali la data della delibera è successiva alla data del contratto o della fattura». Comportamenti contestati anche all’ex direttore generale che sarebbe andato in svariati casi oltre i propri poteri.

Scritto da Sasha

NEWS CATEGORIA
Sondaggi: 6 italiani su 10 NON vogliono l'immigrazione
Sondaggi: 6 italiani su 10 NON vogliono l'immigrazione

-

Censis: sei italiani su dieci non vogliono l’immigrazione
Sei italiani su dieci non vogliono immigrati extracomunitari, il 45% non ne...

Perquisizioni in casa Lega per riciclaggio di 49 milioni
Perquisizioni in casa Lega per riciclaggio di 49 milioni

-

Blitz della finanza a Bergamo nella sede dei commercialisti del partito dove è registrata l’associazione Più voci finanziata dal costruttore Luca Parnasi.
Non c'è pace per la Lega di Matteo Salvini. Dopo la notizia dell'indagine sul...

Agonia UE, elettori traditi. Unica chance? ITALEXIT
Agonia UE, elettori traditi. Unica chance? ITALEXIT

-

Dopo la bocciatura definitiva della manovra da parte della Commissione Europea con la prospettiva dell’apertura della procedura d’infrazione contro l’Italia per deficit eccessivo, da più parti ci si chiede quale strada percorrere.
Dopo la bocciatura definitiva della manovra da parte della Commissione Europea...

Natale: la SOLITA storia degli imprenditori (PRENDITORI) degli italiani che non vogliono lavorare
Natale: la SOLITA storia degli imprenditori (PRENDITORI) degli italiani che non vogliono lavorare

-

Si avvicina il Natale, periodo in cui i politici pensano ai presepi e alle feste di fine anno negli asili, gli italiani alla busta paga e a come far quadrare i conti e le imprese a lamentarsi di non riuscire a trovare personale.
Si avvicina il Natale, periodo in cui i politici pensano ai presepi e alle feste...



-


Per il vicepremier Luigi Di Maio l'approvazione in Consiglio dei ministri del...




Network ItalianoSveglia
Italiano Sveglia
Blog Italiano
Blog Notizie
Giornale di Oggi
Informarsi
Italia Blog
Leggendo
Notiziario Italiano
Notizie Blog
Notizie di Oggi
Notiziario Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notiziario Italiano - Tutti i diritti riservati